“Non siamo ancora pronti”, dramma per uno storico volto di Amici: il figlio è malato

Il racconto di un dramma di un volto di Amici, una malattia che ancora non riescono a condividere appieno con i loro follower

Le parole della moglie del volto storico del talent show hanno spiazzato tutti: una questione molto seria che ha colpito una delle famiglie più apprezzate dei social. È proprio su Instagram che ha vuotato il sacco.

Amici
Il logo della trasmissione di Canale 5 (via WebSource)

La notizia che Kledi Kadiu sarebbe diventato papà ha fatto impazzire i telespettatori di Amici di Maria De Filippi, finalmente il maestro ballerino avrebbe avuto un figlio. Soltanto un anno fa, infatti, è nato Gabriel, figlio di Charlotte Lazzari. A seguito del parto, la coppia ha vissuto un brutto momento perché il neonato è stato in terapia intensiva per un mese e si è scoperto avere la meningoencefalite.

Tutto è nato tredici giorni dopo il parto, durante una tranquilla notte in cui Gabriel dormiva, ma il cuore di mamma è stato così grande da rendersi conto che il neonato faceva, di tanto in tanto, strani movimenti. Se inizialmente non gli ha dato peso, con il perpetuarsi della faccenda ha deciso di portarlo in ospedale per degli accertamenti.

Amici, cos’ha il figlio di Kledi Kadiu e Charlotte?

Kledi e Charlotte
(@Instagram)

Su Instagram, in un box domande, un utente ha chiesto a Charlotte Lazzari: “Si sa da cosa è stata causata l’encefalite di Gabriel?”. Con grande sincerità -avrebbe potuto tranquillamente lasciare che la domanda finisse nel baratro- l’insegnante di yoga ha risposto: “Certo che si sa ma non ci sentiamo ancora pronti a condividere la nostra storia così personale. Arriverà un momento in cui lo farò con il solo ed unico scopo di utilizzare questo canale social per fare giusta informazione”.

Tutto ciò che resta a Kledi e sua moglie è la complicità e l’amore che non svanisce mai, nonché la forza di sostenersi l’uno con l’altra, nonostante la leggera differenza d’età: “Io sento di amarlo ogni giorno di più. L’amore si modifica, alle volte si solidifica. Abbiamo attraversato una tempesta in due, sotto lo stesso ombrello. Sono grata di questo e cerco di ricordarmelo sempre”.