Emergenza caldo, arriva l’ondata record: 42 gradi al Nord Italia

Preoccupa l'emergenza siccità della Pianura Padana, dove già da martedì 19 luglio si registreranno 20 gradi sopra la media. 

Emergenza caldo in Italia - Foto di Ansa Foto
Emergenza caldo in Italia – Foto di Ansa Foto

L’ondata di caldo che in queste settimane ha investito l’Italia e ha provocato l’emergenza siccità al Nord, sta per aggravarsi. L’anticiclone delle Azzorre andrà via per lasciare il posto a quello africano che arriverà su gran parte dell’Europa, facendo salire le temperature oltre i 40 gradi.

La bolla rovente inizierà in Normandia con temperature fino a 42 gradi, poi si espanderà verso la Germania fino alle nostre regioni alpine e al Nord Italia. Entro la fine di questa settimana arriverà la quarta ondata di caldo intenso, che si estenderà anche nel Sud Italia.

Emergenza caldo: le città italiane più colpite

Preoccupa l‘emergenza siccità della Pianura Padana, dove già da martedì 19 luglio si registreranno 20 gradi sopra la media.

Prepariamoci per il nuovo anticiclone africano, già prepotente sulla Penisola Iberica”, ha affermato Lorenzo Tedici, metereologo di www.ilmeteo.it, ricordando che “sono già stati raggiunti in modo diffuso i 42 gradi nelle zone interne ad est di Lisbona e su parte della Spagna, in Andalusia ed Estremadura, con valori in rapido aumento”. 

Tutti gli esperti stimano per il Nord Italia, quindi Bologna, Ferrara, Milano, Mantova, Padova e Verona, il centro con Firenze e l’Umbria con Terni, temperature superiori ai 38-39 gradi già da venerdì 15, e dovrebbero durare almeno fino al 22 luglio. Per il resto del Centro e del Sud sono previsti valori inferiori di qualche grado. Insieme al caldo arriveranno afa e notti tropicali, con temperature sopra di 20 gradi.