Bonus 200 euro a luglio: inclusi ed esclusi, facciamo chiarezza

Bonus 200 euro a luglio: inclusi ed esclusi, facciamo chiarezza. Non tutti i lavoratori italiano potranno accedere al sostegno

Alcuni lo hanno già ricevuto con la busta paga di luglio, ad altri sta per arrivare sul conto ed è comunque una piccola boccata d’ossigeno perché di questi tempi conta tutto. Stiamo parlando del Bonus 200 euro una tantum varato dal governo Draghi, piccolo incentivo alle spese per tutti gli italiani.

Bonus 200 euro a luglio (Pexels)

Quelli che lo ricevono o stanno per farlo sono certamente i lavoratori dipendenti, sia quelli pubblici che privati, direttamente dai loro datori di lavoro. Ma anche i residenti in Italia che siano titolari di pensione, pensione o assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti. E poi i titolari di NASpI e DIS-COLL, i beneficiari di disoccupazione agricola per il 2022 e chi riceve l’indennità Covid-19 prevista dai decreti Sostegni e Sostegni bis. Infine anche i nuclei che beneficiano del Reddito di Cittadinanza.

Bonus 200 euro a luglio: tutte le categorie che non ne hanno diritto per legge

Ma ci sono anche milioni di italiani che non ne hanno diritto. Intanto chi ha un reddito sopra i 35mila euro, ma  anche stagisti e tirocinanti, oltre ai titolari di contratti di collaborazione sportiva. In più non spetta ai dipendenti che non risultano attivi nel mese di luglio 2022, o ancora se la loro retribuzione lorda supera 2.692 euro mensili. Chi è stato assunto a fine giugno 2022 non può ricevere il bonus a meno che non faccia parte di un nucleo familiare con un altro componente che è beneficiario del reddito di cittadinanza

Stesso discorso vale per i lavoratori con contratto terminato a fine giugno. Per i
i collaboratori domestici dipende dai tempi: dovranno risultare già assunti al 18 maggio 2022. Invece colf e badanti hanno comunque diritto al bonus anche se a luglio non lavorano più, basta che siano stati assunti a partire dal 18 maggio

Capitolo collaboratori coordinati e continuativi. Sono fuori coloro che nel 2021 hanno superato i 35mila euro di reddito oppure non hanno un contratto parasubordinato già attivo al 18 maggio 2022. Un collaboratore assunto solo a giugno non ha diritto al bonus, chi ha avuto un contratto fino a maggio può chiederlo e chi percepisce disoccupazione attraverso Naspi ha diritto al bonus

Bonus 200 euro, chi deve presentare la domanda? (Pexels)

Ultimo capitolo è dedicato ai lavoratori stagionali, per cui ci sono due diverse casistiche. I dipendenti con contratto stagionale assunti a luglio avranno gli stessi requisiti dei dipendenti a termine o indeterminati. Se  non hanno un contratto attivo a luglio, rimarranno fuori senza reddito inferiore a 35mila euro e almeno 50 giornate lavorate nel 2021.