Netflix, stangata per la star della serie TV: 12 anni di prigione

Una notizia scioccante per uno dei protagonisti della serie TV di Netflix che aveva appassionato il pubblico americano e non soltanto

Davvero incredibile e scioccante la notizia che arriva dagli Usa e che riguarda un volto molto noto ed apprezzato dell’universo Netflix. Stangata giudiziaria per una delle star di una serie TV molto amata, soprattutto oltre oceano.

Netflix
Logo di Netflix (Instagram)

Se qualcuno di voi ha visto la docu-serie targata Netflix ed intitolata Cheer conoscerà sicuramente la situazione. Si tratta di una fiction documentaristica dedicata al mondo delle cheerleader, le cosiddette “ragazze pon-pon” che in America hanno costruito un vero e proprio mestiere, che riguarda anche i ragazzi.

Tra i protagonisti maschili di tale serie Netflix spuntava il giovane Jerry Harris, ragazzo afroamericano che ha dimostrato nella fiction tutte le sue abilità acrobatiche e circensi, diventando un vero e proprio cheerleader di successo.

Jerry Harris ha confessato le molestie sessuali: andrà in carcere per 12 anni

Harris era stato apprezzato dai fan di Cheer proprio per le sue abilità e per il coraggio dimostrato nel voler diventare un cheerleader nonostante fosse maschio e non avesse inizialmente il fisico adatto.

Ma la vita di Jerry Harris ha un risvolto decisamente oscuro. Infatti il giovane è stato condannato a ben 12 anni di carcere in seguito alla sentenza del Tribunale. Il realtà il 22enne era stato arrestato già nel 2020 con un’accusa gravissima: molestie sessuali su minorenni.

harris
Jerry Harris (Instagram)

Tutto scaturì da quando la madre di due gemelli di 14 anni trovò sul telefonino di uno dei due figli delle fotografie compromettenti con protagonista lo stesso Harris. Il quale inizialmente negò la propria colpevolezza, ma successivamente ha ritrattato confessando l’illecito.

La star di Netflix ha ammesso di aver commesso abusi sessuali su due minorenni (all’epoca quindicenni) e di essere in possesso di materiale pedopornografico. Il Tribunale ci è andato giù pesante condannando il cheerleader a 12 anni di reclusione. Harris è stato già portato in un carcere federale.

Queste le scuse del colpevole, che ha provato a chiedere perdono: “Sono profondamente dispiaciuto per il trauma che i miei abusi hanno causato. Prego nel profondo che la vostra sofferenza finisca. Non sono una persona malvagia. Devo ancora capire chi sono e qual è il mio scopo”.