Una strada per Marco Pannella e Raffaella Carrà: la richiesta dell’Arcigay al Comune di Napoli

Il messaggio dell'associazione è "rilanciare, anche simbolicamente, la battaglia sui diritti proprio da Napoli, dalla nostra città, da sempre simbolo di accoglienza e inclusione". 

Raffaella Carrà - Foto di Ansa Foto
Raffaella Carrà – Foto di Ansa Foto

Una strada di Napoli a Raffaella Carrà: questa la richiesta del Consiglio direttivo di Antinoo Arcigay Napoli al Comune partenopeo, in occasione del primo anniversario della morte della showgirl più amata d’Italia.

Scomparsa un anno fa, Raffaella Carrà – da sempre innamorata profondamente della nostra città e della cultura napoletana – è considerata nel mondo il simbolo della cultura italiana, oltre che baluardo e simbolo riconosciuto a tutela e difesa dei diritti civili”, si legge in un comunicato dell’associazione che ha inviato una richiesta formale al sindaco di Napoli Gaetano Manfredi e all’assessora per le Pari Opportunità Emanuela Ferrante.

Antinoo Arcigay Napoli chiede anche di intitolare un’altra strada a Marco Pannella, “proprio in un momento storico in cui alcuni diritti, come quello dell’aborto, dati per acquisiti, sono messi sotto duro attacco da parte di forze reazionarie e anacronistiche”. 

Il messaggio dell’associazione è “rilanciare, anche simbolicamente, la battaglia sui diritti proprio da Napoli, dalla nostra città, da sempre simbolo di accoglienza e inclusione”.