Selvaggia Lucarelli attaccata pesantemente da Salmo: la risposta è da applausi

Selvaggia Lucarelli attaccata pesantemente da Salmo: la risposta è da applausi. Il rapper storpia il suo cognome per ripicca, ecco la replica

Estate o inverno poco cambia, perché Selvaggia Lucarelli non si tira mai indietro quando c’è da fare polemica e ancora di più se è attaccata in prima persona. Nelle ultime ore è successo con Salmo che a distanza di quasi un anno si è vendicato.

Selvaggia Lucarelli (ANSA)

Per chi non lo ricordasse, a metà agosto del 2021, in piena pandemia, Salmo aveva organizzato un concerto all’ultimo minuto nella sua Olbia, ovviamente molto partecipato. E Selvaggia era stata tra i primi a criticare pesantemente quella scelta e la mancanza di sicurezza per il pubblico oltre che di controlli.

Oggi lui in un post ha voluto fare il punto del suo anno lavorativo definendolo il più difficile della sua vita. Un nuovo album, la serie tv Blocco 181 su Sky nella quale è stato attore ma ha anche diretto la colonna sonora, il live per San Siro, ma anche il concerto abusivo. E quando un follower gli ha chiesto di quale concerto parlasse, lui ha risposto così: “Chiedi a Selvaggia Sucarelli“.

Selvaggia Lucarelli attaccata pesantemente: arriva la risposta che piace ai fan

Chiaramente non un errore di battitura, ma una storpiatura evidente del cognome di Selvaggia che ci ha messo poco a rispondere, come fa solitamente quando la tirano in ballo. Ha iniziato spiegando di non conoscere personalmente Salmo e di ritenerlo anche bravo in quello che fa.

Ma “un anno fa mi ero permessa di dire che il suo concerto ad Olbia fatto senza autorizzazioni, con una pandemia che faceva ancora molte vittime, era stato un errore. Non ha mai risposto nel merito ma a distanza di tempo la schifosa battuta sessista non ha saputo tenersela. Forse tra due millenni i maschi riusciranno a rispondere a una donna guardando oltre il proprio pisello”.

Salmo (ANSA)

Poteva finire lì. certamente, ma Salmo ha controreplicato subito rilanciando la palla: “Non piangere Selvaggia. Mi hanno storpiato il cognome mille volte (all’anagrafe lui fa Maurizio Pisciottu, ndb). Per favore falla finita con ‘sta roba del sessismo che non c’entra nulla. Il vittimismo da opinioninstagram è passato ormai. Forse”. I fan di Selvaggia non hanno gradito, quello di Salmo sì e ognuno rimarrà sulle sue posizioni.