La Regina Elisabetta non sa più come fare: una terrificante notizia scuote Buckingham Palace

La Regina Elisabetta non sa più come fare: una terrificante notizia scuote Buckingham Palace. Un aspetto che in pochi consideravano

Le spese dei Windsor sono schizzate alle stelle negli ultimi 12 mesi. Anche una delle icone del mondo occidentale deve stare attenta ai consumi e agli sprechi, specie in questo momento.

Regina Elisabetta
La Regina Elisabetta (AnsaFoto)

Molto spesso quando si pensa a Buckingham Palace e alla Regina Elisabetta tutto può venirci in mente meno che le ristrettezze economiche. La Royal Family è abituata ad una vita lussuosa e ricca di comodità, in alcune delle residenze più belle del mondo. Eppure, specie in questo momento di grave crisi internazionale, quelli che sembrerebbero grattacapi propri solo delle famiglie italiane hanno raggiunto anche Sua Maestà. 

Secondo quanto riportato dalla stampa inglese recentemente, nel 2021 sono stati spesi per 102,4 milioni di sterline per la gestione corrente familiare. Il post Covid e il mantenimento della Ditta (reale) e dei suoi palazzi, ha numeri piuttosto elevati, come una classica azienda. L’incremento rispetto al 2020 è stato del 17%. A far lievitare le uscite ci ha pensato anche il restauro di Buckingham Palace, un’operazione di grande riqualificazione spalmata su dieci anni, che porterà a nuova luce la residenza reale.

L’aumento delle bollette e la crescita generalizzata dell’inflazione ha influito sulla cifra volatilizzata da quelle parti, con un pizzico di imbarazzo al momento della diffusione dei dati.

La Regina Elisabetta non sa più come fare: i finanziamenti sauditi a Carlo continuano a far discutere

Principe Carlo
Il principe Carlo d’Inghilterra (AnsaFoto)

Sempre a livello economico, la Royal Family ha visto alzarsi pochi giorni fa un altro polverone. Il. tutto è scaturito da una notizia del Sunday Times che faceva riferimento alle donazioni ricevute dal principe Carlo. Si tratterebbe di tre milioni di euro in contanti, arrivati tra il 2011 e il 2015 dallo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani, ex premier del Qatar. La versione ufficiale di risposta di Clarence House, residenza ufficiale dell’erede al trono, parla di soldi trasferiti alle organizzazioni benefiche patrocinate da Carlo. Tuttavia a far luce sulla vicenda ci si è messa nell’ultimo periodo anche la Metropolitan Police Service, dopo che uno degli enti di beneficenza avrebbe offerto aiuto a un donatore saudita per assicurargli un’onorificenza e la cittadinanza britannica. Paese che vai, usanze che trovi.