Meteo, avvio di luglio rovente: tra caldo e temporali veloci ma intensi

L’inizio di luglio dovrebbe essere caldo, con l’Italia che sarà ancora sotto l’egemonia dell’anticiclone Caronte: occhio a brevi e intensi temporali.

Anche l’inizio di Luglio sarà a dir poco rovente per la penisola italiana, con l’anticiclone Caronte che continuerà ad essere la causa del caldo asfissiante. Attenzione a dei disturbi rappresentati da lievi temporali che andranno a minare la stabilità atmosferica.

Meteo
La situazione meteorologica sulla penisola italiana (Via Pixabay)

Il mese di luglio si aprirà ancora una volta nel segno del rovente anticiclone africano denominato Caronte. Ma la novità più interessante riguarda un possibile cambio di scenario atteso entro la metà del nuovo mese. Infatti a sorpresa potrebbe tornare una vecchia conoscenza tipica delle estati italiane: stiamo parlando dell’anticiclone delle Azzorre. Quindi i primi giorni di Luglio saranno all’insegna dell’ennesima fiammata africana con temperature previste ancora una volta ben oltre le medie climatiche. Questa configurazione dovrebbe affermarsi almeno fino al 6 Luglio.

Le temperature sono destinate ad alzarsi, con massime che potrebbero raggiungere dei picchi oltre i 35°C soprattutto in Val Padana. Mentre sulle Isole Maggiori le massime potrebbero toccare addirittura fino 42/43°C, con uno scenario simile pronto a replicarsi anche in alcune zone del Centro. Una volta raggiunti questi valori termici dovrebbe arrivare il primo break temporalesco nella seconda parte della settimana, innescato da masse d’aria più fresche ed instabili in discesa dal Nord Europa. Avremo quindi il rischio di forti rovesci sulla penisola. Andiamo quindi a vedere la situazione sulla penisola.

Meteo, Luglio inizia nel segno dell’anticiclone: le previsioni sull’Italia

Meteo
Come varia la situazione meteorologica sulla penisola italiana (via Pixabay)

In queste ore l’anticiclone africano Caronte si sta tornando a rinforzare sulle nostre regioni settentrionali. Dopo gli ultimi forti temporali di ieri al Nordest, il tempo si mostrerà sempre più stabile. Le temperature torneranno ad aumentare al Centro-Nord e Sardegna, mentre perderanno temporaneamente alcuni gradi al Sud. Nelle prossime ore una saccatura nord atlantica cercherà di inviare un impulso di instabilità verso le regioni settentrionali. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio la situazione sui tre settori principali.

Sulle regioni del Nord Italia avremo un avvio di giornata soleggiato. Mentre tra pomeriggio e sera avremo instabilità in aumento su Alpi e Prealpi e pedemontane centro-orientali. Qui infatti c’è alta possibilità di avere rovesci e temporali. Le temperature risulteranno stazionarie, con massime che andranno dai 30 ai 34 gradi.

Mentre invece sulle regioni del Centro Italia avremo una situazione stazionaria e generalmente soleggiata. Nonostante ciò non mancherà qualche lieve velatura in transito durante il giorno. Le temperature qui risulteranno in netto aumento, con i valori massimi che oscilleranno tra i 33 ed i 38 gradi.

Infine sulle regioni del Sud Italia avremo una situazione di tempo stabile e generalmente soleggiato. Nelle ore del mattino non mancheranno innocue nubi che andranno a colpire specialmente le vette dell’Appennino. Le temperature risulteranno in aumento soprattutto in Puglia e Sicilia. In generale sul settore avremo massime che andranno dai 35 fino addirittura a 40 gradi.