Mondo della TV in lutto: addio allo storico autore amato dai più piccoli

Un altro lutto per il mondo dell’arte e dello spettacolo in Italia. Un personaggio importante ed autore televisivo ci ha lasciati da poco

Un altro lutto recente ha colpito il mondo della televisione e dello spettacolo in Italia. Poco fa ci ha lasciati uno storico personaggio, un autore sia televisivo che musicale, che ha lasciato un’impronta determinante negli scorsi decenni.

zecchino d'oro
Lo zecchino d’oro (Ansa Foto)

Come riferito da giornali ed agenzie di stampa, è morto Tony Martucci. Uno storico autore che ha lavorato per moltissimi anni tra TV e radio, esperto di musica e straordinario paroliere, anche molto legato al mondo dei più piccoli.

Un nome che forse dirà poco o nulla al pubblico delle ultime generazioni. Ma Martucci ha ideato moltissimi programmi e produzioni nell’ambito dello spettacolo. Una perdita grave dunque per i nostri palinsesti.

Addio a Tony Martucci, autore del “Caffè della Peppina”

Antonio Martucci, in arte Tony, era nato a Napoli nel 1927. Ma da moltissimi anni era praticamente diventato milanese d’adozione, essendosi trasferito da decenni in Lombardia proprio per questioni lavorative.

Negli anni ’60 e ’70 Martucci ha lavorato in numerosi programmi radiofonici, sia come autore che come speaker vero e proprio. Moltissimi di questi erano dedicati ai ragazzi, ai gusti dei più giovani, alle canzoni in voga tra i bambini.

martucci
Tony Martucci (screen Youtube)

Non a caso il suo nome è legato allo Zecchino d’oro e ad uno dei brani più noti del festival musicale dei più piccoli. Martucci ha scritto “Il Caffè della Peppina”, un pezzo ancora oggi molto noto datato 1971.

L’autore ha lavorato anche alla TV dei ragazzi e ideato l’Ambrogino d’oro, ovvero una sorta di Zecchino d’oro dedicato però ai bambini di Milano e provincia ed alle loro capacità artistiche. Nel 2010 ha invece ricevuto un altro Ambrogino, ovvero lo storico riconoscimento che il Comune di Milano assegna alle personalità impegnate in vari ambiti nel capoluogo lombardo.

Il luogo a cui Tony Martucci è sempre stato maggiormente legato è Triangia, in provincia di Sondrio, dove trascorreva le vacanze. In questo paese di montagna, aveva anche ideato la popolare festa di Stratriangia, che si è tenuta dal 1975 al 2002. Inoltre ha lanciato il Premio Giovanni D’Anzi, intitolato nel 1997 a uno dei maggiori autori italiani della prima metà del secolo scorso e dedicato ai giovani artisti pronti a lanciarsi nel mondo dello spettacolo e dell’arte.