Strage di Viareggio, Appello bis: Moretti condannato a 5 anni

I familiari delle vittime hanno deciso di commentare la sentenza dopo una riunione che si terrà questa notte. 

Moretti condannato a 5 anni per la strage di Viareggio (Foto archivio) - Foto di Ansa Foto
Moretti condannato a 5 anni per la strage di Viareggio (Foto archivio) – Foto di Ansa Foto

L’ex ad di FS e Rfi Mauro Moretti è stato condannato a 5 anni di carcere nel processo di Appello bis per la strage ferroviaria di Viareggio del 29 giugno 2009. È stato riconosciuto colpevole di disastro ferroviario colposo, incendio e lesioni colpose. L’accusa aveva chiesto una pena di 6 anni e 9 mesi.

Nel primo appello era stato condannato a sette anni. In questo nuovo processo disposto dalla Cassazione, la Procura generale aveva chiesto 6 anni e 9 mesi.

In questo processo Moretti non ha rinunciato ad avvalersi della prescrizione, a differenza dei precedenti gradi di giudizio. Rideterminate in parte le pene e le posizioni – con tre assoluzioni – degli altri 15 imputati. Tra loro, l’ex amministratore delegato di Rfi Michele Mario Elia (4 anni, 2 mesi e 20 giorni. La richiesta di condanna era 5 anni e 9 mesi di carcere).

Assolti Joachim Lehmann, supervisore e responsabile esami Jungenthal, Francesco Favo, addetto alla sicurezza di Rfi, ed Emilio Maestrini, responsabile dell’unità produttiva direzione ingegneria, sicurezza e qualità di sistema di Trenitalia.

Avvocato Nicoletti: “Soddisfatto del verdetto”

Uno degli avvocati dei familiari delle vittime, Tiziano Nicoletti, si è detto soddisfatto della sentenza, come scrive il Corriere della Sera: “Un verdetto soddisfacente perché ha confermato la condanna dei vertici delle ferrovie dello Stato tra i quali Moretti ed Elia e le gravi responsabilità sulle omissioni sul controllo dei vagoni che arrivano dall’estero”. Gli altri familiari hanno deciso di commentare la sentenza dopo una riunione che si terrà questa notte.