Royal Family, Harry e Meghan ancora nei guai: la decisione crea scalpore

Royal Family, Harry e Meghan ancora nei guai: la decisione crea scalpore. Nuovo stallo con i parenti di Buckingham Palace per i Sussex

Il Giubileo di Platino della Regina Elisabetta invece di distendere gli animi ha creato nuovi dissapori. Il duca e la duchessa del Sussex sono chiamati ad un passo che non vogliono compiere.

Royal Family
Harry e Meghan a Londra per il Giubileo di Platino della Regina (AnsaFoto)

Una reunion non andata a buon fine. Si potrebbe sintetizzare così, mutuano un sillogismo musicale, il ritorno di Harry e Meghan nel Regno Unito. I Sussex non hanno potuto evitare di omaggiare Sua Maestà per il suo splendido traguardo del Giubileo di Platino. Tuttavia, nonostante le divergenze seguite alla ‘Megxit‘, tutto potevano attendersi che un’accoglienza del genere.

Sono stati collocati durante le celebrazioni in postazioni di rincalzo, lontani rispetto al Principe di Galles, alla Duchessa di Cornovaglia e al Duca e alla Duchessa di Cambridge, Harry e Meghan sedevano in seconda fila, dietro la famiglia Wessex e il Duca e la Duchessa di Gloucester. L’esperto reale Neil Sean ha affermato che si trovano in una sorta di “stallo”.

Royal Family, Harry e Meghan nei guai: William e Carlo attendono ancora le loro scuse

Harry e Meghan
Harry e Meghan (AnsaFoto)

Parlando sul suo canale YouTube, Sean ha affermato:Quando Harry e Meghan sono tornati nel Regno Unito, William non stava aspettando altro che delle scuse ufficiali. Purtroppo però i Sussex non hanno intenzione di ritrattare nulla di quanto dichiarato in precedenza. Ora questo ha fatto calare il gelo tra le parti e creato una sorta di stallo“.

Harry e Meghan hanno fatto una processione in solitaria, tenendosi per mano, lungo la navata della cattedrale di St Paul, giusto prima dell’arrivo di Carlo, Camilla e dei Cambridge, al gran completo.

Durante tutta la celebrazione non sono state notate interazioni o sguardi tra le due differenti fazioni, a testimonianza di una freddezza che inizia ad essere preoccupante. Evidentemente le accuse di razzismo indirizzate ad un membro della famiglia non meglio specificato (non la Regina Elisabetta o il compianto duca di Edimburgo) e il resto delle bombe sganciate nel salotto di Oprah, sono un confine inesorabilmente scavalcato da cui non si può tornare indietro. Il dado è tratto.