Guerra in Ucraina, sparito un terzo americano. Macron: “Continuerò a dialogare con Putin”

Heeson Kim, moglie di Grady Kurpasi, il terzo combattente volontario americano scomparso in Ucraina, ha confermato alla Cnn l'identità del marito. Dell'uomo non si hanno notizie dal 23 aprile. 

Guerra in Ucraina - Foto di Ansa Foto
Guerra in Ucraina – Foto di Ansa Foto

Centoquattordicesimo giorno di guerra in Ucraina: Kiev informa che “la lotta feroce per il Lugansk continua” e che i russi stanno attaccando da nove direzioni. I filorussi annunciano l’ingresso nel perimetro dell‘impianto chimico di Azot a Severodonetsk.

Almeno 10 case private sono state danneggiate, una scuola e un condominio sono stati distrutti nella regione di Kharkiv. Lo ha affermato il governatore Oleg Synyhubov su Telegram, descrivendo gli attacchi come “crimini di guerra degli occupanti russi”. 

Una persona è rimasta uccisa e sei sono state ferite questa mattina, in seguito a un attacco missilistico russo nella città di Nikolaev. Lo ha annunciato su Telegram il presidente dell’amministrazione militare regionale di Nikolaev, Vitaly Kim, precisando che “dall’attacco missilistico del mattino a Nikolaev ha colpito 4 condomini e alcune infrastrutture”. Tra i feriti ci sarebbe un bambino.

L’attacco della Russia a Draghi, Macron e Scholz

Ieri, giovedì 16 giugno, i tre leader europei Mario Draghi, Olaf Scholz ed Emmanuel Macron, si sono recati a Kiev per ribadire ancora una volta il supporto dell’Ue all’Ucraina contro l’aggressione della Russia e cercare un modo per arrivare alla pace.

Il viaggio non è stato visto di buon occhio dalla Russia: Dmitry Medvedev, ex presidente russo, su Twitter, ha insultato i leader. “I fan europei di rane, salsicce di fegato e spaghetti” visitano Kiev “con zero utilità”, ha scritto, aggiungendo che i il premier italiano, il presidente francese e il cancelliere tedesco prometteranno all’Ucraina “l’adesione all’Ue e vecchi obici, si leccheranno i baffi con l’horilka e torneranno a casa in treno come 100 anni fa. Tutto va bene, ma non avvicinerà l’Ucraina alla pace. Il tempo scorre”. 

Mosca taglia il gas all’Europa a favore della Cina

I rapporti tra la Russia e l’Europa vanno via via deteriorandosi, con il ministro degli Esteri del Cremlino, Sergey Lavrov, che afferma che i contatti con l’Ue sono scomparsi dalle priorità della Russia. Mosca taglia le forniture di gas a favore della Cina.

A fronte di una richiesta giornaliera di gas da parte di Eni pari a circa 63 milioni di metri cubi, Gazprom ha comunicato che fornirà solo il 50% di quanto richiesto. Lo ha comunicato Eni sul sito del gruppo.

Terzo combattente americano scomparso

Intanto Heeson Kim, moglie di Grady Kurpasi, il terzo combattente volontario americano scomparso in Ucraina, ha confermato alla Cnn l’identità del marito. Dell’uomo non si hanno notizie dal 23 aprile.