“Una disgrazia inammissibile”, Al Bano furioso: cosa è successo

Il commento furente di Al Bano Carrisi, che non ha usato mezzi termini per parlare della tragedia attuale, sentendosi chiamato in causa

Fa spesso parlare di sé il noto cantautore salentino Al Bano Carrisi. L’artista italiano, veterano delle scene musicali e televisive, è sempre argomento di conversazione. Un po’ per le sue operazioni artistiche, un po’ per le dichiarazioni molto spesso schiette.

al bano
Al Bano (Ansa Foto)

Al Bano in questa occasione fa discutere, o comunque è finito sulle prime pagine dei siti web, per le parole rilasciate nei confronti del dramma che l’Europa sta vivendo quotidianamente da mesi. Il conflitto tra Russia e Ucraina, con l’esercito di Putin che ha invaso il territorio ucraino.

Nonostante non sia ovviamente un esperto o studioso di politica internazionale, Al Bano è stato chiamato in causa per due motivi. In primis ama la Russia come paese, visto che in quelle zone è una star canora internazionale. Poi è anche molto amico di Vladimir Putin, l’oligarca ormai nell’occhio del ciclone.

Al Bano si scaglia contro Putin, ma difende il popolo russo

Ospite dell’emittente radiofonica RTL, Al Bano è stato dunque incalzato sull’argomento. Il cantante di Cellino San Marco non ha avuto remore ad esprimersi contro l’invasione russa a Kiev e dintorni:

“è qualcosa di inammissibile, al giorno d’oggi ancora si ricorre ad armi e violenza per risolvere delle questioni. si mandano i carrarmati e si sganciano bombe. è una tragedia, una disgrazia inaccettabile”

Ma Al Bano vuole chiarire una cosa. La sua furente reazione verbale è solo nei confronti della scelta di Putin di invadere l’Ucraina. Mentre il suo rapporto con la Russia ed i suoi abitanti resta assolutamente positivo:

“la mia reazione è solo contro le scelte di putin di far scoppiare questa guerra. però il resto della russia non si tocca: è e resterà sempre un grande popolo. sotto il comunismo avevano pochi momenti di distrazione, uno era il festival di sanremo, per questo ci amano”

Infine Al Bano si è lanciato in una sua interpretazione riguardo ai motivi che stanno spingendo Vladimir Putin a questi attacchi territoriali e violenti:

“non posso dire se mi aspettavo questo da putin. ma sta facendo la guerra di un elefante contro un topolino. la verità è che ha paura della potenza dell’america. bastava fermarsi alle sue sue ginnastiche armatoriali al confine senza invadere. sta sradicando alberi vitali, l’esistenza di cittadini, la storia di un paese. è un’assurdità inaccettabile”