“È stato avvelenato”, tremendo lutto in Serie A: il messaggio straziante sui social – FOTO

Un tremendo lutto per il bomber di Serie A che si è risvegliato con una terribile notizia: è morto per avvelenamento

Una vera e propria tragedia ha colpito il bomber di Serie A che ha scritto un messaggio strappalacrime per l’ultimo saluto. La notizia ha sconvolto tutti, tifosi e non, che si sono stretti vicino alla stella argentina.

lutto Serie A
(@Twitter)

Un tremendo risveglio per Giovanni Simeone e sua moglie che a nulla hanno potuto di fronte l’avvelenamento della loro cara cagnolina, Marvel. Un tragico evento che inevitabilmente segnerà la loro vita, i due amanti degli animali ed affezionati alla loro piccola “figlia” più che semplice animale domestico, hanno visto fuggire davanti ai loro occhi la vita di Marvel.

Sui social, Simeone e sua moglie hanno pubblicato due lunghi post dedicati ad un ultimo saluto a Marvel che era con loro già da qualche anno e che li ha lasciati in maniera atroce, tra la sofferenza di chi subisce un avvelenamento. Non è chiaro se sia stato intenzionale o un incidente che, in realtà, capita spesso e volentieri agli animali domestici in giro per una semplice passeggiata.

Giovanni Simeone, tremendo lutto per il bomber di Serie A: l’ultimo saluto sui social

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gio Simeone (@simeonegiovanni)

“Mi mancherai”, ha iniziato Simeone nel suo post su Instagram, “Avevi sempre quel sorriso ogni volta che ci vedevi. Ci hai dato tanto amore, non ho parole per dire addio perché mi rende triste e non riesco a scrivere il dolore che provo. Tutto quello che so è che mi mancherai così tanto”. Una dedica strappalacrime da parte del centravanti del Cagliari cui si aggiunge anche quello della moglie, affezionatissima alla piccola Marvel.

 Un vuoto incolmabile che soltanto chi ama gli animali può capire, ancor più chi ne ha perso uno a causa di terzi: “Mi hai lasciato un vuoto che mai nessuno potrà colmare, eri la mia migliore amica e la mia peggior nemica, eri una figlia e adesso non potrò più guardarmi intorno senza pensare a te. La vita e le persone sono così ingiuste e io non posso trovare pace senza di te”.