Elezioni amministrative: il voto Comune per Comune e la sconfitta di Lega e 5 Stelle

Secondo gli analisti, i partiti che escono sconfitti dalle elezioni comunali sono Lega e 5S. Di seguito i dati più rilevanti. 

Elezioni amministrative 2022 - Foto di Ansa Foto
Elezioni amministrative 2022 – Foto di Ansa Foto

Dopo il primo turno delle elezioni amministrative, è tempo di bilanci per i partiti. Al voto di domenica 12 giugno 2022, il centrodestra ha ottenuto più consensi del centrosinistra, conquistando senza ballottaggi tre capoluoghi di Regione, Genova, L’Aquila e Palermo e portandosi avanti a Catanzaro.

Il centrosinistra ha vinto a Lodi ed è in vantaggio a Parma e Verona. Nel caso del centrodestra si assiste alla spinta di Fratelli d’Italia che ha superato la Lega anche al Nord, mentre il centrosinistra vive un momento di incertezza a causa della crisi del Movimento 5 Stelle. Secondo gli analisti, i partiti che escono sconfitti dalle elezioni comunali sono Lega e 5S. Di seguito i dati più rilevanti.

Elezioni amministrative Palermo

Roberto Lagalla di Forza Italia è il nuovo sindaco di Palermo. Qui bastava l 40% anziché il 50 per vincere al primo turno. Il candidato ha ottenuto il 49,2% dei consensi.

Elezioni amministrative Genova

Nel capoluogo ligure è stato riconfermato Marco Bucci, che ha ottenuto il 55% delle preferenze.

Elezioni amministrative L’Aquila

Anche a L’Aquila è stato confermato al primo turno il sindaco uscente di centrodestra Pierluigi Biondi.

13 città al ballottaggio

Sono tredici le città che andranno al ballottaggio. Catanzaro sembra destinata a finire in mano al centrodestra di Valerio Donato, mentre Parla in mano al Pd con Michele Guerra, che ha doppiato il sindaco uscente Pietro Vignali.

In testa il centrodestra anche a Verona, rappresentato dall’ex calciatore Damiano Tommasi con il 40% delle preferenze. Testa a testa al ballottaggio con il sindaco uscente Federico Sboarina (32%).