Mascherine: obbligo per la maturità, raccomandate ai seggi il 12 giugno

L'annuncio del Viminale sull'uso delle mascherine agli esami di fine anno scolastico, è arrivato insieme con la sentenza numero 7451 del Tar del Lazio, che ha stabilito l'obbligo di indossare il dispositivo in classe anche durante la prova.

Mascherina in classe - Foto di Ansa Foto
Mascherina in classe – Foto di Ansa Foto

Il 15 giugno termina l’obbligo amministrativo delle mascherine, oltre che quello vaccinale per gli over 50. Senza una proroga, il dispositivo sarà solo fortemente consigliato nelle situazioni di particolare sovraffollamento e nei luoghi al chiuso, ma non sarà più prevista una sanzione per il mancato uso.

In attesa del 15 giugno, sono state prese decisioni sul voto del 12 giugno, quando ai seggi elettorali in occasione del referendum sulla giustizia e le elezioni amministrative, e agli esami di maturità che cominceranno il 22 giugno. Di seguito, le nuove regole.

12 giugno: referendum e amministrative

Chi andrà a votare non avrà l’obbligo di indossare la mascherina. Lo ha chiarito in una circolare il Ministero dell’Interno. Claudio Sgaraglia, capo del Dipartimento per gli Affari interni e territoriali del Ministero, ha scritto che le mascherine saranno “fortemente raccomandate”, ma non obbligatorie.

Mascherine: esami di terza media e maturità

L’annuncio del Viminale sull’uso delle mascherine agli esami di fine anno scolastico, è arrivato insieme con la sentenza numero 7.451 del Tar del Lazio, che ha stabilito l’obbligo di indossare il dispositivo in classe anche durante la prova. Il Tribunale ha respinto il ricorso del Codacons, e la sentenza va di pari passo con la decisione del Ministero.

Mascherine e mezzi pubblici

Il nodo da sciogliere restano ancora una volta i mezzi pubblici. Sul tema il Governo fatica a prendere una decisione sull’obbligo delle mascherine. Probabilmente il ministro della Salute Roberto Speranza deciderà di prorogare la misure anche oltre il 15 giugno su treni, aerei, tram, bus e metro, perché su questi luoghi è più difficile mantenere la distanza di sicurezza. Per il momento vige l’obbligo di indossare la Ffp2.

Cinema, teatro e lavoro

Anche nel caso di cinema e teatri, il Governo potrebbe decidere di non prorogare l’obbligo delle mascherine. Per quanto riguarda i luoghi di lavoro, il ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta ha emanato una circolare in cui consiglia la mascherina nelle situazioni a rischio nel settore pubblico. Per quanto riguarda il settore privato invece, è stato firmato un protocollo tra le parti sociali per mantenere la protezione dove i lavoratori non possono mantenere una distanza adeguata.