Vicenza, donna uccisa dall’ex compagno: killer trovato morto in auto, all’interno anche il corpo di un’altra donna

Gli investigatori hanno dato il via alla ricerca dell'uomo e il questore ha chiesto l'arrivo di un elicottero e di squadre speciali. Il sindaco: "L'amministrazione è sgomenta".

Una donna di quarantadue anni è stata uccisa questa mattina a Vicenza a colpi di pistola dall’ex compagno. Si chiamava Lidia Miljkovic, era di origini serbe. Aveva appena accompagnato i due figli a scuola e ripreso l’auto.

Il suo corpo è stato trovato riverso sull’asfalto vicino alla vettura con cui era giunta sul posto, forse per un appuntamento con l’omicida, anche lui di origine serba.

L’uomo trovato morto in auto con accanto il corpo di un’altra donna

Il killer è stato trovato morto in un’automobile, ferma in una piazzola della tangenziale Ovest di Vicenza. All’interno della vettura è stato trovato anche il corpo di un’altra donna, probabilmente l’attuale compagna.

Gli investigatori si sono messi sulle tracce dell’uomo per ore ed avevano anche avvisato che avrebbe potuto essere pericoloso e armato di esplosivi. Dalle testimonianze dei residenti era emerso che l’omicida, allontanandosi, avrebbe fatto esplodere due ordigni sulla cui natura sono in corso accertamenti. Sarebbero stati uditi sei spari. Gli investigatori stanno ricostruendo gli ultimi movimenti della donna, che lavorava come domestica in alcune villette della zona.

Le indagini sono state svolte dalla Squadra Mobile, che hanno cercato l’uomo in tutta la provincia di Vicenza, sulla direttrice della vicina ferrovia e dell’autostrada A4. Il questore Paolo Sartori ha anche richiesto l’intervento di un elicottero e dei reparti speciali per pattugliare la zona boschiva ai piedi del Monte Berico. 

Nelle operazioni di ricerca sono stati coinvolti gli agenti della questura di Vicenza, la polizia ferroviaria e i carabinieri.

Nei confronti dell’uomo nel 2019 era stato emesso un divieto di avvicinamento alla donna

Secondo gli accertamenti degli investigatori, nei confronti dell’ex compagno della vittima era stata emessa un’ordinanza di divieto di avvicinamento a Lidia, risalente al 2019.

Vicenza registra un altro terribile femminicidio”, ha dichiarato il sindaco di Vicenza Francesco Ruocco. “Questa volta a cadere in strada sotto i colpi di pistola sembra dell’ex compagno è una mamma che aveva appena portato i figli a scuola. L’amministrazione è sgomenta di fronte a questo nuovo episodio di violenza che condanna con forza, certa che le forze dell’ordine si stanno impegnando al massimo per assicurare il responsabile alla giustizia”.