Sciopero del settore aereo: i voli a rischio e i motivi della protesta

Ryanair respinge le accuse, ma i sindacati minaccia altre proteste "in assenza di segnali concreti" da parte della compagnia.

Sciopero compagnie aeree - Foto di Ansa Foto
Sciopero compagnie aeree – Foto di Ansa Foto

Sciopero del settore aereo. Oggi, 8 giugno, è prevista una giornata di disagi per i viaggiatori italiani a causa delle proteste del personale delle compagnie aeree, soprattutto low cost, e dei controllori di volo.

Potrebbe essere solo la prima giornata di una lunga serie che arriveranno in estate. Non c’è ancora il bilancio ufficiale dei voli che verranno cancellati, ma nella fascia oraria sono previste circa 2.100 partenze dall’Italia, più altrettanti arrivi dall’estero.

Sciopero settore aereo: quali saranno i disagi

I passeggeri coinvolti potrebbero essere 357mila, anche se le compagnie aeree stanno cercando di riprogrammare la giornata per ridurre i disagi al minimo. L‘Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) e la Commissione garanzia sciopero spiegano che lo sciopero del personale Enav è previsto dalle 8 alle 20 nel centro di controllo d’area di Milano, dei dipendenti di Alitalia ed EasyJet dalle 13 alle 17, di Ryanair e la sussidiaria Malta Air (con Crewlink) e Volotea dalle 10 alle 14.

Il caso Ryanair

A finire nel mirino dei sindacati è soprattutto Ryanair. In una nota, Filt Cgil e Uiltrasporti parlano di “impossibilità ad aprire un confronto sulle problematiche che da mesi affliggono il personale navigante”. Tra le questioni aperte “ci sono il mancato adeguamento ai minimi salariali previsti dal contratto nazionale, il perdurare di un accordo sul taglio degli stipendi non più attuale, le arbitrarie decurtazioni della busta paga, il mancato pagamento delle giornate di malattia, il rifiuto della compagnia di concedere giornate di congedo obbligatorio durante la stagione estiva e la mancanza di acqua e pasti per l’equipaggio”.

Ryanair respinge le accuse, ma i sindacati minaccia altre proteste “in assenza di segnali concreti” da parte della compagnia.

Sciopero del settore aereo: le richieste del personale di EasyJet e Volotea

Nel comunicato riferito allo sciopero del personale di Ryanair e EasyJet, Uiltrasporti ha fatto sapere che i lavoratori di EasyJetprotesteranno contro la compressione dei diritti culminata in licenziamenti ingiustificati, contro la mancanza di solidità operativa, a danno dei passeggeri ed equipaggi e contro il totale degrado delle relazioni industriali”.

Il comunicato cita anche la “condotta antisindacale di Volotea, e in particolare le richieste inaccettabili di riduzioni del salario, promozioni ed upgrade economici a insindacabile giudizio della compagnia per esercitare di fatto un vero e proprio controllo sui propri dipendenti”.