Partygate, stasera il voto di sfiducia a Boris Johnson

Quorum raggiunto: questa sera dalle 18 alle 80 ora locale, lo scrutinio. I Tory votano la sfiducia al loro leader.

Boris Johnson - Foto di Ansa Foto
Boris Johnson – Foto di Ansa Foto

Boris Johnson trema: il governo britannico non gli perdona lo scandalo del Partygate e questa sera deciderà sulla sfiducia del premier. Il verdetto arriverà questa sera tra le 18 e le 20 ora locale.

I Tory hanno annunciato questa mattina che è stato superato il quorum di lettere di sfiducia nei suoi confronti da parte del 15% dei deputati di maggioranza, cioè 54.

“I voti verranno conteggiati subito dopo” ha annunciato il deputato Sir Graham Brady, presidente del Comitato dei parlamentari conservatori.

Lo scrutinio tecnicamente deciderà sul ruolo di Johnson quale leader del partito, ma in caso di sfiducia di oltre la metà dei suoi 180 deputati, si dovrà dimettere anche come premier.

Downing Street ha fatto sapere che il premier britannico accetterà qualsiasi decisione ma lui e i suoi sono fiduciosi che riusciranno a spuntarla nella conta finale. Il voto però, è segreto, quindi potrebbero esserci sorprese.

Partygate, Boris Johnson perde credibilità nei confronti dei cittadino

Johson pensava di essersi messo alle spalle la questione del Partygate, le feste a Downing Street in violazione alle norme del lockdown. Ma l’opinione pubblica ormai ha già emesso il suo verdetto: il premier è un bugiardo e non è più credibile. Mentre il Paese era travolto da contagi e decessi alle stelle, Johnson si intratteneva in eventi e feste. La questione è sfociata anche con una multa della polizia direttamente al premier, che è diventato il primo capo di governo in carica colpito da un provvedimento simile nella storia britannica.

Giubileo di Platino: Johnson accolto con fischi a St.Paul

I fischi che hanno accolto il premier venerdì alla cattedrale St. Paul alla messa della regina, è stata la prova. La figura di Johnson è ormai messa in discussione anche dai conservatori stessi.

Un portavoce del premier ha affermato che il voto servirà a porre fine alle speculazioni della sua leadership: “Stasera c’è l’occasione per concludere questo stillicidio e consentire al governo di tracciare una linea e andare avanti. Il primo ministro accoglie con favore l’opportunità di parlare del caso ai membri del Parlamento”.