Bollette luce e gas, spunta l’ultima trovata per risparmiare: tutti i dettagli

Bollette luce e gas, spunta l’ultima trovata per risparmiare: tutti i dettagli per salvare qualche euro a fine mese. I rincari sull’energia sono senza fine

I cittadini italiani si trovano ad affrontare una situazione difficilissima per quanto concerne il costo delle bollette e hanno bisogno di qualsiasi escamotage pur di risparmiare qualcosa.

Bollette luce
Bollette della luce (AnsaFoto)

Rincari annunciati alla fine del 2021, poi accentuati dallo scoppio della guerra in Ucraina, passando per la crescita esponenziale dell’inflazione nel nostro paese. Uno scenario catastrofico per i cittadini italiani che sono costretti a fare i conti con delle bollette monstre per quanto concerne luce e gas. Una crisi energetica che inevitabilmente finiscono per pagare, come al solito, le persone comuni, sempre più in difficoltà per arrivare alla fine del mese. Per far quadrare i bilanci familiari, oltre a ridurre il consumo, c’è bisogno anche di qualche escamotage e consiglio utile da mettere in pratica.

Uno degli aspetti più gettonati è quello dei comparatori online nella scelta delle utenze. Secondo quanto diffuso dall’Osservatorio Tariffe Energia e Internet c’è stata una crescita importante negli ultimi 5 anni di chi si affida a questo strumento in rete. Si tratta soprattutto di giovani e soprattutto di residenti al Nord.

Bollette luce e gas, l’utilità del comparatore online: perché utilizzarlo per risparmiare

Bollette gas
Bolletta del gas (AnsaFoto)

Andando ad analizzare i dati notiamo come i comparatori online siano scelti da coloro che hanno meno di 45 anni. A crescere maggiormente sono le utenze di coloro che hanno meno di 35 anni. Per quanto riguarda la comparazione in rete, gli under 35 che hanno stipulato un nuovo contratto per la fornitura di energia dopo aver utilizzato un modello online è passata dal 13,7% al 23,3%.
Per quanto riguarda invece l’aspetto geografico, si nota che nel primo trimestre del 2022, le nuove utenze di luce e gas stipulate tramite comparatore sono state del 51,9% al Nord, del 23% al Centro e del 25,1% al Sud.

Ma si risparmia davvero utilizzando questo strumento? Sembra proprio di si. La risposta è abbastanza facile considerando che le tariffe possono variare ogni tre mesi, in base al contesto internazionale. Stipulare invece un contratto fisso, su base di 12/24 mesi, potrebbe portarci a una remissione nel lungo periodo. Il mercato libero offre molte opportunità e al momento conviene non optare prezzi bloccati per un lasso troppo prolungato, visto che la fine della guerra e un calo dell’inflazione possono rimescolare le carte (al ribasso) fra pochi mesi.

Secondo uno speciale redatto da Il Corriere della Sera, riguardo al passaggio dal mercato tutelato al mercato libero, “si possono ipotizzare risparmi annuali pari a 115 euro sulla luce e 40 euro sul gas per le utenze fino a 750 kWh di energia elettrica e 135 Smc di gas naturale“.