Momenti di tensione nel tardo pomeriggio di giovedì 2 giugno sulla spiaggia libera Peschiera del Garda, dove si sono riversati tantissimi giovanissimi per passare la giornata di festa in riva al lago. Le forze dell’ordine sono intervenute con un reparto in tenuta anti sommossa per sciogliere diversi assembramenti a seguito, da quanto si apprende, dello scoppio di diverse risse, una delle quali sarebbe stata innescata da un tentativo di furto terminando con una coltellata ai danni di un ragazzo, circostanza questa ancora da confermare.

In un video si vede un gruppo di giovani saltare sopra i cofani e i tettucci di alcune macchine sul lungolago, poco dopo una vera e propria carica sul bagnasciuga. “Una ragazza volontaria della Festa di Radio Onda D’Urto presente in spiaggia ci ha raccontato che la sua amica ha ricevuto manganellate sulla schiena mentre era ferma. Decine e decine di ragazzi e ragazze, molti di seconda generazione sono stati schedati”, si legge sui canali social dell’emittente di Brescia.

Al momento dell’intervento della polizia era in corso una festa improvvisata con musica trap secondo quanto raccontato. Tantissimi i ragazzi e le ragazze arrivati dalla periferia di Milano oggi a Peschiera, come testimoniato dalle immagini dei treni presi d’assalto dopo l’intervento della polizia quando è scattato il fuggi fuggi. Un’azione quella delle forze dell’ordine destinata a far discutere, visto che non si vedono tutti i giorni i manganelli tra i bagnanti e la celere intervenire per disperdere comitive di adolescenti.