Giornalista francese ucciso a Severodonetsk, Parigi apre un’inchiesta per crimini di guerra

A svelare l'identità di Frédéric Leclerc-Imhoff è stato il sito di informazione ucraina Ukrainska Pravda, che ha pubblicato la foto del suo tesserino rilasciato dal Ministero della Difesa di Kiev. 

Frédéric Leclerc-Imhoff - Foto di Ansa Foto
Frédéric Leclerc-Imhoff – Foto di Ansa Foto

La Procura antiterrorismo francese (Pnat) ha aperto un’inchiesta per crimini di guerra sulla morte in Ucraina del giornalista francese Frédéric Leclerc-Imhoff. Il reporter è stato ucciso a Severodonetsk mentre accompagnava i civili a bordo di un autobus umanitario.

Da quanto è cominciata la guerra scatenata da Putin in Ucraina, la Francia ha aperto almeno altre cinque indagini per crimini di guerra contro cittadini francesi. A svelare l’identità di Frédéric Leclerc-Imhoff è stato il sito di informazione ucraina Ukrainska Pravda, che ha pubblicato la foto del suo tesserino rilasciato dal Ministero della Difesa di Kiev.

Il cordoglio di Macron

Il giornalista Frédéric Leclerc-Imhoff era in Ucraina per mostrare la realtà della guerra. A bordo di un autobus umanitario, con i civili costretti a fuggire per sfuggire alle bombe russe, è stato colpito a morte da colpi di arma da fuoco. Condivido il dolore della famiglia, dei parenti e dei colleghi di Frédéric Leclerc-Imhoff, a cui porgo le mie condoglianze. A colore che svolgono la difficile mansione di informare nei teatri delle operazioni, vorrei ribadire il sostegno incondizionato della Francia”. Sono queste le parole di Emmanuel Macron, presidente francese, su Twitter.

Frédéric Leclerc-Imhoff aveva trentadue anni e lavorava da sei anni per la tv francese Bfm. La ministra degli Esteri Catherine Colonna ha parlato di uccisione “profondamente scioccante” ed ha chiesto “che un’indagine trasparente sia lanciata il prima possibile per fare piena luce sulle circostanze di questa tragedia”. 

Secondo il Ministero dell’Interno di Kiev nelle stesse circostanze sono rimaste ferite altre tre persone, un reporter francese, una donna ucraina che accompagnava i giornalisti e un militare. Il corpo di Frédéric Leclerc-Imhoff sarà trasferito a Bakmut e poi a Dnipro per sottoporlo ad autopsia.