Meteo, residui acquazzoni sull’Italia: poi arriva l’anticiclone Scipione

L’anticiclone africano è pronto a condizionare il meteo italiano. Prima dell’arrivo dell’aria calda però ci saranno residue piogge: i dettagli.

Il meteo italiano è pronto ad accogliere nuovamente l’anticiclone con l’arrivo di Scipione sulla penisola. Prima dell’avvento del flusso di aria rovente, però, avremo ancora delle residue piogge: andiamo quindi a vedere cosa succederà in Italia.

Meteo
La situazione meteorologica sulla penisola italiana (via Pixabay)

Nel corso della nuova settimana sulla penisola italiana arriverà l’anticiclone Scipione, pronto ad invadere il meteo italiano. Infatti questo scalzerà Hannibal risultando così più caldo del previsto e dunque con temperature ancora più roventi. Già da Lunedì 30 Maggio una profonda area di bassa pressione (ciclone) andrà ad approfondirsi al largo delle coste del Portogallo in pieno oceano Atlantico. A causa del movimento antiorario delle correnti, una considerevole avvezione di aria molto calda d’estrazione sub-tropicale continentale si spingerà verso il bacino del Mediterraneo.

Quindi Scipione si sposterà prima su Spagna e Francia per poi arrivare sull’Italia. La spinta dell’anticiclone quindi potrebbe essere ancora più potente di Hannibal. Da Mercoledì 1 Giugno la rimonta anticiclonica si farà ancora più imponente. Non avremo solo condizioni di bel tempo praticamente ovunque, ma registreremo anche valori elevati di pressione. Infatti proprio le temperature potrebbero spingersi a massime fino a 37/39°C. I settori maggiormente coinvolti sembrerebbero quelli del Centro-Sud e le due Isole Maggiori, ma anche in Pianura Padana l’afa si farà sentire. Andiamo quindi a vedere cosa succederà durante questo lunedì.

Meteo, la nuova settimana si apre con gli ultimi piovaschi al Nord: esplode il caldo altrove

Meteo
La situazione meteorologica in Italia (Via Screenshot)

Nel corso di questo lunedì avremo cieli irregolarmente nuvolosi al Nord, Toscana, Umbria, Marche con qualche isolato fenomeno al mattino e instabilità pomeridiana più diffusa su Alpi e Appennino associata a qualche piovasco o temporale in assorbimento serale. Altrove invece avremo cieli sereni o poco nuvolosi, con l’esclusione totale per quanto riguarda la presenza di fenomeni. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio la situazione sui tre settori principali del paese italiano.

Sulle regioni del Nord Italia avremo nuvolosità irregolari sin dalle prime ore del mattino, con isolate e deboli piogge. Nel pomeriggio queste precipitazioni andranno ad evaporare, resistendo solamente sulle vette delle Alpi. Mentre invece in pianura avremo ampie aperture. Le temperature risulteranno in leggera ripresa, con massime che oscilleranno dai 23 ai 27 gradi.

Mentre sulle regioni del Centro Italia avremo tanta variabilità al mattino con qualche isolato piovasco tra Umbria e Marche. Al pomeriggio invece avremo più sole, salvo degli isolati piovaschi che potrebbero resistere sulle vette dell’Appennino. Le temperature qui saranno in leggero rialzo, con valori massimi che andranno dai 24 ai 28 gradi.

Infine sulle regioni del Sud Italia avremo cieli in prevalenza sereni e aperti sin dalle prime ore della giornata. Solamente nel corso di questo lunedì avremo delle lievi coperture su diverse regioni. Anche qui avremo temperature in deciso aumento, con massime che invece oscilleranno dai 27 ai 32 gradi.