Michele Merlo, papà Domenico inferocito: nuovi dettagli sulla morte del figlio

Non manca molto per l’anniversario della morte di Michele Merlo ed ancora emergono dettagli raccapriccianti sulla vicenda

Il papà del compianto cantante di Amici è avvelenato ancora, a distanza di un anno, da quanto è accaduto a suo figlio in circostanze poco chiare. Adesso sono emersi nuovi dettagli sulla sua morte.

Michele Merlo
(@Instagram)

Il 6 giugno si celebrerà l’anniversario della morte di Michele Merlo che ha sconvolto il mondo dello spettacolo, nonché tutti i fan dell’artista. Col tempo sono emersi tanti dettagli su quella notte in cui lui si è recato in ospedale ed è stato subito rispedito a casa sottovalutando i sintomi del cantante che, tristemente, ha lasciato i suoi affetti cari precocemente. Tanta rabbia e tristezza da parte di tutte le persone che gli vogliono bene e che hanno sempre cercato la verità.

Sua mamma e suo padre si sono ampiamente battuti, con azioni legali ed anche grazie al supporto dei tanti fan che, in un modo o nell’altro hanno mostrato il loro sostegno alla famiglia Merlo. Adesso, però, suo padre Domenico ha svelato nuovi dettagli sulla sua morte.

Domenico Merlo parla di suo figlio Michele: altri dettagli ad un anno dalla scomparsa

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Verissimo (@verissimotv)

Domani ospite di Silvia Toffanin a Verissimo ci sarà Domenico Merlo, padre del compianto Michele, che tornerà a parlare della sua morte avvenuta in circostanze poco chiare e, probabilmente, per un errore medico che gli è costato caro. Come anticipato da Mediaset, Domenico ha ammesso: “Quello che è successo a Michele è frutto di una sanità che non funziona più: il sistema ha subito dei tagli importanti e questo porta continuamente a situazioni drammatiche. I medici legali sostengono che bastava un esame del sangue per salvarlo. Aveva una probabilità dal 77% all’89% di guarire, in circa sei mesi, dalla malattia”. Una realtà straziante per la famiglia Merlo che ancora non si dà pace: “Non mi aspetto nulla dalla giustizia e non condanno l’errore umano, anche se mi ha devastato la vita”.

Nel frattempo, nello stadio comunale di Rosà a Vicenza, è stato organizzato un evento commemorativo previsto per il 6 giugno, giorno della data di morte di Michele che è stato molto amato e seguito per la sua carriera.