Draghi convoca a sorpresa il Cdm: cosa sta succedendo

La pazienza di Draghi è finita: secondo quanto trapela dalla riunione, sono a rischio i 200 miliardi del Pnrr e il premier ha intenzione di velocizzare i tempi per porre la questione di fiducia sul ddl concorrenza.

Mario Draghi - Foto di Ansa Foto
Mario Draghi – Foto di Ansa Foto

Il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi ha convocato d’urgenza il Consiglio dei ministri alle 17 circa. Era del tutto fuori programma e all’ordine del giorno c’erano “comunicazioni del presidente”, come recita la nota di Palazzo Chigi.

L’ultimatum di Draghi: “Così non si va avanti”

La pazienza di Draghi è finita: secondo quanto trapela dalla riunione, sono a rischio i 200 miliardi del Pnrr e il premier ha intenzione di velocizzare i tempi per porre la questione di fiducia sul ddl concorrenza. La riforma è uno degli obiettivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Scontro con Salvini sulle concessioni balneari

Il testo è fermo a Palazzo Madama sul nodo della liberalizzazione delle concessioni balneari e sulla norma che regola le nomine nelle autorità indipendenti. Le votazioni continuano a slittare. “Così non si va avanti”, sarebbe stato l’ultimatum di Draghi ai ministri e questa volta nel mirino non c’è Conte, ma Salvini.

Il leader della Lega lunedì, uscendo da Palazzo Chigi, aveva affermato: “Troveremo un accordo sui balneari”. Ma il provvedimento che doveva essere votato prima di Pasqua è ancora bloccato in Commissione Industria del Senato e il rischio è una crisi di governo.