Un incendio è divampato a Monterotondo, in provincia di Roma. Una fabbrica di vernici è andata a fuoco in via Leonardo Da Vinci, intorno alle ore 13:30 di lunedì 17 maggio. I vigili del fuoco sono accorsi immediatamente dopo la chiamata, quando le fiamme nere già divampavano alte nel cielo della cittadina alle porte della Capitale. Ancora incerte le cause: forse un incidente avvenuto in uno dei laboratori della fabbrica. Evacuate anche le aziende vicine alla fabbrica. Tutte le strade limitrofe a via Leonardo Da Vinci sono state chiuse per precauzione.

“Si raccomanda massima prudenza e di seguire le indicazioni fornite dalle forze dell’ordine, si consiglia inoltre di tenere chiuse le finestre delle abitazioni. Vi terremo comunque aggiornati su eventuali sviluppi”, l’allarme dal comune di Monterotondo che si aggiunge a quello del sindaco Riccardo Varone: “Non recatevi sul posto”. Il primo cittadino ha aggiunto che sarà vietato, fino a nuovo ordine, “svolgere attività all’aperto, comprese manifestazioni, attività ludiche, attività sportive in genere ed altri eventi programmati all’aperto, nonché la frequentazione di spazi all’aperto da parte di animali domestici e di esporre prodotti alimentari fuori degli esercizi di vendita”. Vietata anche “la raccolta ed il conseguente consumo di frutta e verdura presso orti domestici e aziende agricole”.

I carabinieri stanno ora indagando sulle cause del rogo. Tutte le aziende vicine al capannone sono state evacuate e risulteranno inagibili fino a che le analisi della qualità dell’aria effettuate dall’Arpa Lazio torneranno nella norma. L’incendio è stato talmente ampio da essere visto anche da Roma e dai Castelli Romani. Monterotondo è un grande centro abitato che conta circa 60mila abitanti, situato alle porte della Capitale. Al momento, a parte una lieve intossicazione per il proprietario dello stabile, non risultano feriti.