Monete preziose, controllate bene a casa: questa vale quasi 100 mila euro!

Monete preziose, controllate bene a casa: questa vale quasi 100 mila euro! Una cifra incredibile per un taglio così piccolo

L’unicità di alcuni coni li rende materia preziosissima per amanti e collezionisti. Errori nella realizzazione o serie limitatissime possono portare a cifre da 4 zeri.

Monete
Monete preziosissime (Ansafoto)

Nel mondo dei collezionisti un posto d’onore lo occupano le monete. Gli appassionati di numismatica sono un numero elevatissimo e alla ricerca di continue “perle”, antiche e moderne. C’è chi si concentra sui vecchi coni ormai in disuso e chi invece si specializza sulla moneta corrente, come l’euro. A rendere speciale un pezzo sono alcune caratteristiche specifiche che possono renderlo unico e introvabile. Dagli errori nell’emissione, fino all’appartenenza a serie limitatissime, senza tralasciare lo stato di conservazione. Qualcuno potrebbe ritrovarsi per sbaglio dentro casa un esemplare dal valore inestimabile, che può raggiungere anche i 4 zeri.

Quest’oggi ci vogliamo soffermare sulle “preziosissime50 Lire. Una valuta oramai in disuso che ha assunto un prezzo di scambio davvero incredibile. Ovviamente non tutte sono considerate speciali, ma devono avere della caratteristiche specifiche.

Monete preziose, il caso delle 50 Lire di Vittorio Emanuele II: possono valere anche 90.000 euro!

Monete Preziose
Le monete più preziose del mondo (AnsaFoto)

A fare la differenza, come detto, nel valore di una moneta è la sua tiratura limitata. 

Pezzi identici, se prodotti in quantità davvero ridotte, possono raggiungere un prezzo di scambio incredibile rispetto ad altre gemelle.

Il conio da 50 centesimi di Lira che prendiamo in esame è quello di Vittorio Emanuele II. Di questa ne furono coniate due: la prima dal 1861 al 1863, mentre la seconda dal 1863 al 1867. Ad aver maggior valore è la prima.

In totale ne furono realizzate solo 5.000 esemplari e per questo è annoverata tra le monete rare più costose di sempre. La quotazione monstre si aggira oggi attorno ai 90.000 euro. Per essere acquistata a questa cifra, tuttavia, il pezzo deve essere in uno stato di conservazione davvero ottimale.

In gergo, quando una moneta è in uno stato pari al nuovo, viene definitiva “Fior di Conio”. Per ottenere questo appellativo deve avere un aspetto simile ad una appena uscita dalla Zecca di Stato. Capite voi stessi come non sia per nulla facile trovarne del genere, ma altrimenti non sarebbero giustificati i 90.000 euro richiesti.