Mara Venier, scoppia il caso Bortuzzo: la conduttrice rischia grosso

Mara Venier, scoppia il caso Bortuzzo: la conduttrice rischia grosso. Arriva un duro attacco dopo la mancata intervista a Domenica In

Succede anche in televisione che gli assenti facciano più rumore dei presenti. Come nel caso della mancata intervista di Mara Venier a Manuel Bortuzzo e a suo padre Franco nella puntata di Domenica In dell’8 maggio scorso.

Manuel Bortuzzo (Instagram)

Una doppia presenza concordata in anticipo per lanciare il film tv ‘Rinascere’, in prima serata su Rai 1 e tratto dal libro autobiografico dell’ex nuotatore azzurro dopo il suo dramma. Ma Manuel e Franco Bortuzzo nello studio di Mara Venier non sono mai arrivati e non è stato nemmeno spiegato ufficialmente il motivo.

Lo ha fatto il sito DavideMaggio.it, finora nomn smentito da nessuno. Sarebbe stata la stessa conduttrice a bloccare tutto, infuriata perché il giorno prima l’ex gieffino era stato ospite a Verissimo da Silvia Toffanin. In realtà in quella intervista aveva parlato del suo presente, soprattutto della rottura con Lulù Selassié senza nemmeno una parola sulla fiction Rai. E quindi nessuno, lui per primo, ha compreso i motivi dell’ora di Mara Venier.

Mara Venier, scoppia il caso Bortuzzo: il consigliere Rai attacca le scelte

Non li ha capiti però nemmeno Riccardo Laganà, consigliere Rai che meno di un anno fa è stato riconfermato direttamente dai dipendenti dell’azienda come era già stato nel 2018. Secondo lui la Rai ha perso un’ottima occasione per parlare di un tema importante come la disabilità e la ricerca che segue chi deve ripartire da una sedia a rotelle dopo un incidente grave.

Invece non è successo e lui se la prende direttamente con la Venier anche se non la cita. Con un lungo intervento su Facebook spiega che “non si può considerare una rete o una trasmissione come proprietà privata dove entrano le amicizie, le simpatie, ma rimangono fuori le antipatie o il pensiero non conforme. Così diventa una direzione a responsabilità limitata”.

Mara Venier
Mara Venier (Instagram)

Poi l’affondo: “La Rai non è dei conduttori, degli agenti, del Direttore o dell’Amministratore Delegato di turno. La Rai è dei cittadini e a loro responsabilmente occorre sempre rispondere con trasparenza rispetto all’osservanza del contratto di servizio e del codice etico”. Mara ha scelto la via del silenzio, ma forse non finirà qui e può rischiare di essere richiamata all’ordine. Tutto per una mancata intervista.