Potreste averli in casa: i 15 oggetti vintage che vi faranno diventare ricchi

Una lista di oggetti di assoluto valore che tutti potremmo avere in casa: ricercateli, potreste ottenere una fortuna clamorosa

Tutti noi nelle nostre case abbiamo miriadi di oggetti, sia utensili che di piacere, dei quali non notiamo neanche più la presenza. Spesso sono cose materiali che teniamo per affetto o per ricordo.

musicassette
Le musicassette per Walkman (Pixabay)

Ma in pochi sanno che alcuni di questi oggetti potrebbero valere oggi giorno una fortuna. Con il mercato del collezionismo sempre più in crescita, grazie ai continui bandi d’asta, è aumentato il valore di determinati articoli.

Il portale Economia Oggi ha stilato in tal senso una lista di ben 15 oggetti che, a sorpresa, sono ormai delle rarità e hanno una valutazione di mercato altissima, anche di diverse migliaia di euro. Tutti beni che potreste trovare nelle vostre case e nei vostri armadi con facilità.

Dagli smartphone ai dischi, questi prodotti valgono una fortuna

Si tratta per lo più di materiali cosiddetti vintage. Ovvero prime edizioni di differenti beni, articoli ormai in disuso, oggettistica a volta da mercatino indipendente piuttosto che da grande centro commerciale.

vinile
Disco in vinile

Cominciamo con i dischi in vinile, vera e propria mania tra i fan musicali ed i collezionisti di questa specialità. L’album che vale di più al mondo è la prima edizione di White Album dei Beatles, oggi quotata a circa 820 mila euro. Le prime quattro copie numerate sono introvabili e preziosissime. Al secondo posto l’album God Save the Queen dei Sex Pistols, vinile introvabile da 13.000 euro. Infine non potevano mancare i Queen: il disco del singolo Bohemian Rapsody è raro ed è stato valutato sui 5.600 dollari.

Anche bambole e peluche possono farvi diventare ricchi. I meno giovani ricorderanno il simpatico orsacchiotto Teddy Ruxpin, venduto negli anni ’80. Un articolo del genere ben mantenuto può arrivare a valere anche 500 euro. Oppure le non bellissime Bambole Patouf, che hanno una valutazione da 2.000 euro, senza dimenticare la storia prima Barbie targata 1959: un cimelio che vale in media sui 7.000 euro.

La primissima tecnologia non scherza come valore simbolico e vintage. Chi si ritrova nei cassetti le prime edizioni dello smartphone Apple Iphone 1 e dell’Ipod 1.a generazione può guadagnare dai mille ai quattromila euro. Ma anche l’Apple Lisa, ovvero uno dei rari primi esemplari di computer di tale marca, vale molto: si va verso i 9 mila euro di ricavo.

tecno
Smartphone

Ed ancora; i collezionisti di fumetti potrebbero non sapere di possedere una fortuna. Chi ha ancora il Topolino n°1 in lingua italiana vanta un cimelio da 2.500 euro. Circa la stessa valutazione per i possessori della prima serie gigante di Tex. Oppure il primissimo numero di Diabolik del 1962 con valutazione sui 3.000 euro.

Chiudiamo con oggetti tipicamente vintage. Una vecchia macchina istantanea Polaroid, tenuta e conservata con tanto di scatola ed istruzioni, vale tra i 100 ed i 400 euro. Il vecchio Walkman della Sony, uscito tra fine anni ’80 ed inizio ’90, si attesta intorno ai 600 euro. Sembra incredibile ma anche vecchi mobili targati Ikea possono farvi guadagnare: un set di sedie modello Vilbert, prodotto in pochissimi esemplari, è stato venduto di recente per 1.300 euro. Ed anche le iconiche Clam Chairs partono da più di 50.000 euro di valutazione all’asta. C’è anche qualcosa di più piccolo: il set di ceramiche “Nejlika” può arrivare a valere circa 1.200 euro.