Esonero Allegri, rivoluzione in casa Juventus: cosa sta succedendo

Esonero Allegri, rivoluzione in casa Juventus: cosa sta succedendo. Il tecnico bianconero non è così sicuro di restare a Torino

Il futuro della ‘Vecchia Signora’ potrebbe non essere così scontato per quanto concerne la panchina. Al di là del possibile terzo posto in campionato, la finale di Coppa Italia può spostare molto.

Esonero Allegri
Massimiliano Allegri sulla panchina della Juventus (AnsaFoto)

La qualificazione alla prossima Champions League è ormai matematica per la Juventus e l’unico obiettivo resta scavalcare il Napoli al terzo posto. Spalletti ha un punto di vantaggio sui ragazzi di Max Allegri e proverà a difendere con i denti il podio conquistato con una sfavillante prima parte di stagione. Quello che però conta di più a Torino è la finale di Coppa Italia della prossima settimana, contro gli acerrimi rivali dell’Inter. La Supercoppa si è conclusa con una sconfitta in extremis a San Siro per ‘La Vecchia Signora‘, punita dal gol di Sanchez. Ora c’è voglia di riscatto e all’Olimpico Chiellini e compagni proveranno a scrivere un finale diverso. Proprio il capitano juventino è finito involontariamente in una polemica che ha coinvolto Allegri. Il suo ingresso in campo al posto di Vlahovic nella gara contro il Venezia, non ha convinto tifosi e dirigenza. Un atteggiamento troppo rinunciatario che fa il paio con un gioco che non è mai decollato in questa stagione.

Esonero Allegri, rivoluzione in casa Juventus: potrebbe finire al Real Madrid al posto di Ancelotti

Carlo Ancelotti
Carlo Ancelotti (AnsaFoto)

L’annuncio di ieri di Carlo Ancelotti ai microfoni di Sky Sport ha fatto riflettere. In realtà il tecnico del Real Madrid non ha parlato apertamente di ritiro dalla panchina, ma non ha escluso che potrebbe avvicinarsi sempre più l’ora di dire basta. Alcuni sostengono che qualora riuscisse ad alzare anche questa Champions League, il momento della pensione potrebbe essere immediato. Florentino Perez gli ha fatto firmare la scorsa estate un contratto pluriennale ma come spesso avviene nel calcio le cose cambiano in fretta. Non è un mistero come Allegri sia stato ad un passo dal Santiago Bernabeu, prima che i Blancos virassero sull’ex tecnico dell’Everton. Ora la sua candidatura potrebbe riproporsi per il 2022/2023, in un’ipotetica staffetta con l’altro guru italiano. Il feeling delle Merengues con i tecnici del nostro paese è cosa piuttosto rinomata e chissà che anche Max non possa fare il grande salto. A Torino la stima nei suoi confronti non sembra essere più quella dei tempi migliori e alla fine anche questo potrebbe influire.