Meloni: “Agli alleati dico: scegliete da che parte stare”, Salvini risponde: “Fa gli interessi del partito”

L'appello della leader di FdI: "L'alleanza non ha porte girevoli, si vince e si perde insieme e non ci si allea con gli avversari".

Giorgia Meloni - Foto di Ansa Foto
Giorgia Meloni – Foto di Ansa Foto

Di Matteo Salvini neanche l’ombra alla conferenza programmatica a Milano di Fratelli d’Italia, dopo l’appello dei giorni scorsi di Giorgia Meloni nei confronti di Forza Italia e Lega. La leader di FdI ha sfidato gli alleati del centrodestra: “Non farò polemica perché serve alla sinistra ed io non voglio fare favori. Agli alleati però parlo chiaramente. Noi stiamo qui, lì c’è la sinistra e voi dove volete stare? Servono chiarezza, regole ed orgoglio”. 

Meloni a Salvini e Berlusconi: “La sinistra gioca per annientarci”

Meloni lancia un appello chiaro: “L’alleanza non ha porte girevoli, si vince e si perde insieme e non ci si allea con gli avversari. Non sopporto chi si fa blindare dalla sinistra e ti getta nel cestino. Non sopporto il complesso di inferiorità, che si debba avere il lasciapassare della sinistra per governare. Non si comprende che la sinistra fa questo gioco per annientati. Questa maggioranza vuole un sussulto d’orgoglio perché noi siamo quelli che possono salvare il Paese. Lo vogliamo fare con il centrodestra speriamo di farlo col centrodestra, ma lo faremo comunque. Nn accetteremo di essere figli di un dio minore. Non ci troverete mai col capo chino a chiedervi il permesso di essere quelli che siamo”. 

E infine: “Siamo in mezzo alla bufera che non si affronta dicendo “io sono più bravo di te”, quello si fa all’asilo”. 

Salvini risponde a La7: “Meloni mette al primo posto il partito”

Matteo Salvini, in serata a Non è l’Arena su La7, ha affermato: “La Meloni legittimamente mette prima di tutto l’interesse del partito e ne ha tutto il diritto, ma quando c’è stato da fare scelte scomode, io non me la sono sentita di fare solo gli interessi del partito”. 

Ed ha aggiunto: “Io preferisco essere protagonista e mettermi in gioco, penso al blocco dei migranti. Senza Lega al Governo avremmo avuto lo ius soli e patrimoniale”. Poi risponde alla Meloni: “Per me l’unità del centrodestra è un valore, altri preferiscono giocare da soli. Non sono andato alla kermesse di Fratelli d’Italia perché qualcuno mi aveva descritto come un imbucato”.