Michael Schumacher, dopo molti anni svelato il suo segreto: annuncio da brividi

Michael Schumacher, dopo molti anni svelato il suo segreto: annuncio da brividi. Ecco cosa aveva in più il campione tedesco 

Pochi atleti hanno segnato la storia del loro sport come ha fatto Michael Schumacher con la Formula 1 negli ultimi 25 anni. Il dibattito come sempre resta aperto perché sembra sia impossibile stabilire se sia stato il più grande di sempre, ma gli si avvicina molto.

Michael Schumacher
Michael Schumacher (LaPresse)

Nel corso degli anni, tutti si sono chiesti che cosa avesse più della concorrenza ma nessuno ha trovato una risposta chiara. Chi però lo ha conosciuto da vicino e ha potuto sfidarlo più volte in pista quando era ancora il numero uno al modo si è fatto un’idea. Perché i piloti sanno benissimo tutto quello che succede ai muretti e in pista e Fernando Alonso non fa eccezione.

Quello che faceva la differenza era la qualità altissima della guida di Schumi ma non solo. Perché come ha spiegato l’asturiano a  Racingnews365 commentando la presunta crisi di Lewis Hamilton, c’è altro che fa la differenza. “Lewis in questo momento sta guidando benissimo, ma non basta. È sempre stato così in F1. Quando Ayrton Senna dominava, aveva comunque l’auto più veloce. Lo stesso vale per me, anche per Michael Schumacher e appunto Lewis. Lui  ha battuto ogni record tra pole position e vittorie grazie alla macchina superiore”.

Michael Schumacher, dopo molti anni svelato il suo segreto: ora tutti aspettano il suo erede

Da quando Michael Schumacher si è ritirato, ancora prima dell’incidente che ha cambiato la sua vita, era cominciata la caccia al suo erede in pista. Lo è certamente Hamilton ma in realtà quello vero è suo figlio Mick e così molti sperano di vederlo presto al volante di una Ferrari.

Il recente annuncio ufficiale della Scuderia di Maranello, con la conferma del rinnovo di Carlos Sainz fino al 2024 era dato quasi per scontato e in effetti è arrivato. Quindi Mick Schumacher dovrà aspettare ancora un po’ continuando a crescere alla Haas, oppure in un altro team al quale comunque Ferrari fornisce i motori.

Mick Schumacher
Mick Schumacher (LaPresse)

Ma lui se lo aspettava e ha commentato così: “Penso che fosse la decisione più ovvia per la Ferrari. Hanno due grandi piloti e Carlos è reduce da una grande stagione, partendo molto bene anche quest’anno. Era normale che andasse così, ma per me non cambia molto. Tutto quello che devo fare è dare il mio meglio per la Haas in questo momento”.