Russia Ucraina, missili russi durante la visita di Guterres, Zelensky: “Tentativo di umiliare Onu”. Borrell: “Mariupol come Aleppo”

A Donetsk e Lughansk, i russi "costringono gli studenti delle scuole superiori a donare il sangue per i loro militari feriti". La denuncia arriva su Telegram dalla commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino Lyudmyla Denisova.

Ucraina, attacco militare di alta precisione su Kiev - Foto di Ansa Foto
Ucraina, attacco militare di alta precisione su Kiev – Foto di Ansa Foto

Sessantacinquesimo giorno di guerra in Ucraina. Ieri, durante la visita del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, c’è stato un attacco missilistico su Kievper umiliare l’Onu”, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, promettendo “una risposta forte”. Almeno dieci persone sono rimaste ferite.

Durante l’attacco è morta la giornalista di Radio Svoboda Vera Girich, 55 anni. Lo hanno reso noto i suoi colleghi e la notizia è stata confermata al’Ansa. Girich abitava al secondo piano di un edificio residenziale colpito dall’attacco.

Kiev: piano per evacuare civili dall’acciaieria

Kiev sta preparando per oggi un’operazione per evacuare i civili dall’acciaieria Azovstal di Mariupol. Lo ha fatto sapere Reuters sul proprio sito, citando l’ufficio del presidente Zelensky: “Per oggi è in programma un’operazione per far uscire i civili dalla fabbrica”. 

Un altro posto di frontiera è stato colpito da un bombardamento ucraino. Lo riferiscono le autorità di Mosca. Il sito bombardato si trova nella regione russa di Bryansk.

Putin e Zelensky invitati a partecipare al G20

Il presidente russo Putin e quello ucraino Zelensky sono stati invitati a partecipare al vertice del G20 sotto presidenza indonesiana che si terrà a Bali a novembre.

Il Congresso Usa ha approvato una misura che consente di accelerare le procedure per fornire le armi all’Ucraina. Il presidente americano Joe Biden ha reso noto che per aiutare Kiev militarmente sono necessari altri 33 miliardi di dollari.

Italia: M5S e Lega contro escalation militare

In Italia, il Movimento 5 Stelle si è opposto nuovamente all’invio di nuove armi all’Ucraina: “Come M5S siamo assolutamente contrari a un’escalation militare perché significherebbe ulteriori sofferenze e carneficine. Quindi siamo contrari ad armamenti sempre più letali. Non è una questione di tipologia dell’armamento ma dell’indirizzo politico: se è quello di difendersi o di contrattaccare. Per intenderci, siamo contrari ad armi sempre più letali e sempre più pesanti: carri armati non ne vogliamo”. Così il presidente dei pentastellati Giuseppe Conte a margine di un convegno Uil.

Sulla scia della pace c’è anche la Lega. Matteo Salvini ha chiesto ai leader dei principali partiti di incontrarsi per parlare di pace. Qui la nostra intervista al senatore del Carroccio Pazzaglini. 

Se Svezia e Finlandia decidono di entrare nella Nato saranno accolte a braccia aperte”, ha annunciato il segretario generale Jens Stoltenberg.

Kherson: dal primo maggio si farà la spesa col rublo

Intanto Kherson è sotto il controllo russo. Mosca ha annunciato che a partire dal primo maggio si utilizzerà il rublo come moneta.

Mariupol è la Aleppo europea. Faremo di tutto per porre fine a questa guerra il più presto possibile”, ha twittato Josep Borrell, Alto Rappresentante Ue per gli Affari Esteri.

A Donetsk e Lughansk, i russi “costringono gli studenti delle scuole superiori a donare il sangue per i loro militari feriti”. La denuncia arriva su Telegram dalla commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino Lyudmyla Denisova, che ha anche spiegato che a Mariupol i russi estorcono denaro e dati personali alla popolazioni con transazioni finanziarie fraudolente.