Covid: oggi la nuova ordinanza con le regole sulle mascherine

Nel testo non si fa riferimento al lavoro pubblico e privato, dove varranno i protocolli tra imprese e sindacati. "Raccomandiamo la mascherina in tutte le situazioni con rischi di contagi fino al 15 giugno", ha aggiunto Speranza. 

Mascherine all'aperto (archivio) - Foto di Ansa Foto
Mascherine all’aperto (archivio) – Foto di Ansa Foto

La mascherina Ffp2 resterà obbligatoria fino al 15 giugno sui mezzi di trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza e dovrà essere indossata anche per gli spettacoli e gli eventi sportivi al chiuso.

Lo prevede un emendamento al decreto riaperture approvato in commissione alla Camera che questa sera verrà inserito anche nell’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, in attesa della conversione del decreto.

Nel testo non si fa riferimento al lavoro pubblico e privato, dove varranno i protocolli tra imprese e sindacati. “Raccomandiamo la mascherina in tutte le situazioni con rischi di contagi fino al 15 giugno”, ha aggiunto Speranza.

L’emendamento proroga fino al 30 giugno anche l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso per chi visita le residenze sanitarie e chi va a scuola. Gli studenti dai sei anni in su dovranno continuare a indossarla fino alla fine dell’anno scolastico.

Stop all’obbligo mascherine in negozi e spettacoli all’aperto

Non sono previste misure per negozi, supermercati, ristoranti, bar, stadi e spettacoli all’aperto: in tutti questi luoghi la mascherina potrà essere tolta, ma è probabile che l’ordinanza in arrivo consiglierà di usarla in situazioni di rischio.

Le regole al lavoro

Sui luoghi di lavoro varranno i protocolli tra imprese e sindacati. Un mese fa, le parti sociali hanno optato per mantenere in vigore fino al 30 aprile il protocollo di sicurezza anti-Covid che prevede l’obbligo della mascherina chirurgica e il distanziamento di un metro. Sui luoghi di lavoro pubblico e privato, la mascherina dovrebbe essere solo fortemente raccomandata.

Green pass

Con la fine dell’obbligo del Green pass, si va verso il ritorno alla normalità. Quest’ultimo non sarà più richiesto per nessuna attività, tranne le visite in ospedale.