BancoPosta, clienti di nuovo in pericolo: l’ultima minaccia fa tremare tutti

BancoPosta, clienti di nuovo in pericolo: l’ultima minaccia fa tremare tutti. Bisogna fare massima attenzione a questi messaggi

Un nuovo fenomeno di phishing sta colpendo molti utenti dell’ente nazionale. Si rischia di ritrovarsi il conto svuotato semplicemente con un click. Vediamo come evitare tutto ciò.

Truffa Bancoposta
Carte BancoPosta (AnsaFoto)

E’ uno dei conti correnti più gettonati e utilizzati dai cittadini italiani. Poste Italiane è l’ente nazionale con il miglior rendimento aziendale e con i numeri più positivi a livello economico. Un ottimo lavoro svolto nel corso degli anni che ha portato, tra l’altro, a numerosissime assunzioni di giovani. Prezzi vantaggiosi e facilità di utilizzo hanno spinto tante persone ad affidarsi a BancoPosta per i propri risparmi. Definito spesso come un servizio più agile e snello rispetto alla classica banca, ha sempre conferito un aria di sicurezza e disponibilità.

Sfruttando però proprio questa apertura di credito da parte degli utenti, gli hacker stanno utilizzando il nome di Poste Italiane per organizzare delle pericolosissime truffe. Come al solito ci troviamo a parlare del fenomeno del “phishing“, ovvero quello schema attraverso il quale vengono violati i nostri dati con un semplice click. Link studiati ad hoc, posizionati all’interno di normali messaggi o mail che ci fanno cadere in una profondissima rete.

BancoPosta, altro pericolo in arrivo: nuova truffa tramite phishing

BancoPosta
Truffa BancoPosta (AnsaFoto)

Queste comunicazioni pretestuose e fraudolente hanno diverse forme ma mantengono una struttura di base simile, a cui prestare molta attenzione. Prima conquistano la fiducia del lettore con informazioni pseudo importanti, poi lo costringono a cliccare su link malevoli. Una volte avuto accesso al sito collegato, i nostri dati finiscono in mano ai truffatori, che da quel momento possono disporre dei nostri conti correnti. Nello specifico, parlando dell’ultima truffa organizzata sfruttando il nome di BancoPosta, viene creata una finta pagina con tutte le caratteristiche dell’area clienti. L’utente accede e inserisce i propri dati come richiesto, pensando di trovarsi di fronte al proprio profilo privato. Il tutto viene copiato dai malviventi che da quel momento possono svuotare il nostro conto. 

L’unico consiglio che si può dare per evitare tutto ciò è sempre lo stesso: evitare di aprire ogni singolo messaggio o mail che possa dettare qualche sospetto. Meglio partire dall’assunto che qualora si trattasse di qualcosa di veramente importante, di certo verremmo ricontattati.