“L’operazione militare”, così come in Russia viene definita la guerra in Ucraina, è stata resa necessaria “dalla tragedia che si sta consumando nel Donbass.” Queste le parole che Vladimir Putin rivolge a una bambina di 12 anni durante una riunione del consiglio di sorveglianza della piattaforma “Russia – un paese di opportunità”.

Nel video si vede la bambina recitare una poesia patriottica dedicata alla Federazione Russa. Dopodiché, la bambina stessa, afferma di aver abitato per anni nel Lugansk e di sentirsi russa a tutti gli effetti. Putin ha ringraziato per le sue parole e ha riaffermato le sue ragioni per l’intervento militare in Ucraina: “La tragedia avvenuta nel Donbass ha costretto la Russia a lanciare questa operazione militare – esordisce il presidente russo.

Putin: “Nel Lugansk molto è cambiato, ma in peggio”

Sfortunatamente – ha detto Putin – a Lugansk e nella Repubblica popolare di Lugansk, molto è cambiato anche nel corso degli anni, ma in peggio, perché per tutti questi otto anni sono continuati bombardamenti, attacchi di artiglieria e ostilità. E, naturalmente, è stato molto, molto difficile per le persone