Inps, circola una pericolosa truffa online: prestate la massima attenzione

Inps, circola una pericolosa truffa online: prestate la massima attenzione. Si rischia di perdere tutto con un semplice click

Nuovi tentativi di phishing sono stati segnalati dall’ente governativo. Gli hacker usano siti istituzionali per confondere le idee agli utenti e proporre dei link pericolosissimi.

INPS
Inps (Foto: websource)

Purtroppo districarsi nella giungla del web sta diventando sempre più difficile per tutti gli utenti. Tra tentativi di truffe e falsi siti, perdere i propri dati e la sicurezza dei devices è davvero questione di un click. Gli hacker utilizzano dei nomi chiari e riconoscibili per abbassare il livello di attenzione dei malcapitati, incentivandoli ad aprire questi messaggi di phishing davvero pericolosissimi. Pur conoscendo ormai la tipologia di frode, diventa complicato capire quando la comunicazione è reale o creata ad hoc per svuotare i nostri conti. Ultimamente ad essere stato preso di mira è l’Inps, con email contraffatte che portano nome e logo dell’Istituto previdenziale.

La truffa di cui stiamo parlando è in realtà vecchia, ma ciclicamente torna a fare vittime. Lo schema è il seguente: i truffatori operano su più livelli, sfruttano comunicazioni da parte di un fittizio servizio clienti dell’Istituto e inoltrano agli utenti un semplice link da cliccare. Lo scopo è quello di ottenere il pagamento di una cifra (richiesta dall’Inps) o per effettuare un controllo sulla propria situazione finanziaria (palesando eventuali irregolarità commesse).

Inps, circola una pericolosa truffa online: come evitare il continuo tentativo di “phishing”

Inps
Inps (Websource)

Chiaramente è solo un modo per trarre in inganno i cittadini, che si sentono in dovere di chiarire la situazione. Se si procede tramite il link, gli hacker ottengono attraverso un malware specifico i dati della vittima, comprese magari alcune compilazioni di form online.

L’istituto previdenziale ha sottolineato più volte di ignorare ogni tipo di mail che presenta delle richieste sospette, chiarendo anche che eventuali controlli reali non avvengono in questo modo.

Si ricorda infatti che l’Inps non ha mai inviato mail con link attraverso i quali controllare le situazioni dei cittadini o peggio ancora per raccogliere informazioni private. L’unica cosa da fare per difendersi è sempre la stessa, ovvero cancellare immediatamente la mail sospetta o, nel caso fosse già stata aperta, non cliccare mai in nessun contenuto presente.