È stata ritrovata tra i rovi, in un bosco a circa due chilometri da casa, la bambina di 5 anni scomparsa a Sant’Angelo Limosano, provincia di Campobasso. La piccola sta bene. Gli agenti della polizia di Stato, a bordo di un elicottero assieme a personale del soccorso alpino, ha avvistato la bimba fra i rovi. Traendola poi in salvo e portandola nella casa dove vive con la madre, il padre e il fratellino nato da pochi mesi.

La procura ha ora aperto un’inchiesta e ha disposto un’audizione protetta della piccola. Secondo le prime ricostruzioni, la bambina era scappata da una finestra di casa dopo un rimprovero della mamma. Approfittando del quarto d’ora in cui quest’ultima provvedeva all’allattamento del figlio più piccolo. La bambina avrebbe avvicinato una sedia alla finestra del piano terra e sarebbe saltata giù. Le ricerche si sono attivate subito: vigili del fuoco, polizia, semplici volontari hanno setacciato per ore i boschi intorno alla masseria dove abita la bimba. Per ritrovarla era stato lanciato anche un appello su Facebook: “”Aiutateci a trovare la piccola Nicole, 5 anni scomparsa da ieri sera in contrada fonte san Pietro, Sant’Angelo Limosano, di cui non si hanno più tracce e notizie… chiunque abbia visto qualcosa ci faccia sapere… dateci una mano…”

L’inchiesta della procura

Il pm incaricato dalla procura di Campobasso, assieme agli investigatori della squadra Mobile e ai carabinieri del Nucleo investigativo di Campobasso, ha ascoltato la bambina ancora ricoverata in osservazione in ospedale. L’obiettivo è capire come possa, una bambina di soli due anni, essere scappata di casa, aver percorso due chilometri in piena notte, sopravvivendo a temperature bassissime, per poi finire in un cespuglio di rovi dove è stata ritrovata domenica mattina.