Michael Schumacher, i suoi tifosi sono al settimo cielo: l’annuncio ufficiale

Michael Schumacher, i suoi tifosi sono al settimo cielo: l’annuncio ufficiale. Il pilota tedesco tirato in ballo riguardo all’ultimo GP di F1

Sono rimaste impresse nella memoria di tutti gli appassionati le qualità del “Kaiser” in grado di conquistare sette titoli iridati e riportare sul tetto del mondo la Ferrari dopo 21 anni.

Michael Schumacher
Michael Schumacher (Ansafoto)

Questa nuova stagione di Formula 1 sembra essere nata finalmente sotto i migliori auspici per i tifosi Ferrari. La F1-75 è apparsa subito competitiva e in grado di battagliare per il vertice, come non avveniva più da quasi 3 anni. Dopo la presunta penalità mascherata da parte della FIA sulla power unit di Maranello, le Rosse sono scivolare a centro gruppo, senza ottenere più successi e senza lottare mai per il titolo.

La rivoluzione tecnica di questo 2022 ha rimischiato le carte in tavola e il Cavallino Rampante ha saputo cogliere la palla al balzo. Leclerc e Sainz hanno portato a casa 78 degli 88 punti a disposizione nelle prime due gare stagionali, salendo entrambi sul podio sia in Bahrain che a Jeddah. Un pizzico di rammarico c’è proprio per la vittoria sfumata in Arabia Saudita, dopo un week end passato sempre al top dal pilota monegasco. Prima la pole sfumata per 25 millesimi e qualche errorino di troppo nel giro decisivo, poi la battaglia persa con Max Verstappen dopo la ripartenza dal regime di Virtual Safety Car. 

Michael Schumacher, l’ingegner Mazzola è convinto: “Sarebbe servito lui per vincere a Jeddah”

Schumacher e l'ingegner Mazzola
L’ingegner Mazzola e Michael Schumacher ai tempi della Ferrari (AnsaFoto)

Secondo uno che di Ferrari se ne intende, per vincere a Jeddah sarebbe servito il miglior Michael Schumacher, per compiere una delle sue imprese in pista. L’ingegner Luigi Mazzola, che a Maranello c’è stato dal 1988 al 2009, è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport. Il responsabile della squadra test nel periodo d’oro a cavallo tra la fine degli anni ’90 e i primi 2000 ha tirato fuori un’analogia davvero molto interessante.

Nella Ferrari di quest’anno vedo analogie con il 2006. Spero che l’epilogo sia differente. La macchina è risultata pronta già nei test, peccato solo aver perso il Gp dell’Arabia Saudita. Con Michael Schumacher e il suo entourage di allora non avremmo perso. Si potevano gestire meglio le gomme e il carico. La faccia di Leclerc dopo la bandiera a scacchi lo ha dimostrato“. Insomma quel pizzico in più per essere perfetti lo avrebbe potuto mettere solo “Kaiser Schumi” come sanno bene anche i tantissimi tifosi che ancora continuano a sostenerlo nella sua attuale battaglia.