“Non posso adottare perché ho avuto un tumore”, confessione drammatica del volto del GF

Una confessione drammatica che si aggiunge ad una storia già triste di suo: ha provato ad adottare bambini senza successo

Un tumore che le ha cambiato la vita, ma che non l’ha mai abbattuta e che l’ex protagonista di una delle prime edizioni del Grande Fratello ha deciso di condividere tutto con i suoi follower.

Grande Fratello, dopo il cancro una bella notizia
Carolina Marconi, ex volto del Grande Fratello 4 (Instagram)

La triste storia di Carolina Marconi è sulla bocca di tutti, perché dal primo momento l’ex volto del Grande Fratello 4 ha deciso di condividere la sua esperienza con i suoi follower affinché potesse dare forza anche a tutti coloro che non ne hanno avuta. Nei mesi la gieffina aveva illustrato un prospetto molto più positivo visto e considerato che è riuscita ad abbattere il tumore con tutte le terapie necessarie.

Una volta tolto il pensiero, Carolina non ha nascosto di avere il desiderio di diventare genitore insieme ad Alessandro Tulli. Tuttavia, nel corso della sua malattia più medici le hanno detto che la possibilità di poter avere figli in maniera naturale è pari a zero, a causa delle cure ormonali cui si è dovuta sottoporre. Ancora una volta la gieffina non si è data per vinta ed ha deciso di avviare le pratiche di adozione.

Carolina Marconi stremata: “Non posso adottar perché ho avuto un tumore”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CarolinaMarconi (@marconicarolina)

Se è vero che al peggio non c’è mai fine, Carolina Marconi l’ha provato spesso sulla propria pelle e oggi arriva l’ennesima batosta per l’ex gieffina che si sfoga con i suoi follower su Instagram, come ha sempre fatto fin qui: “Io e Ale avevamo pensato di adottare un bimbo viste le tante difficoltà ci stiamo facendo seguire da un avvocato. Purtroppo non sono idonea ad intraprendere un’adozione perché ho avuto un tumore, anche se sono guarita”.

Quella della gieffina e del suo compagno diventa una vera e propria denuncia: “Più di 900 mila persone in Italia, guariti di tumore, non possono essere libere di guardare il futuro senza convivere con l’ombra della malattia e per questo è molto difficile adottare un bambino, ottenere un mutuo, farsi assumere. È una vera e propria discriminazione”, scrive su Instagram Carolina, “ci sono paesi come la Francia, Olanda, Lussemburgo, Portogallo, Belgio che hanno aderito al riconoscimento del Diritto dell’oblio oncologico con l’obiettivo di ottenere una legge che tuteli le persone che hanno avuto una neoplasia”.