Nuovo attacco in Israele: 5 morti nel sobborgo ebreo di Tel Aviv

Questo è il terzo attacco in una settimana in Israele. Secondo i media israeliani, l'uomo armato era di origine araba ed avrebbe prima sparato verso i balconi degli appartamenti a Bei Brak, un sobborgo ebreo ultraortodosso, poi alle persone per strada. 

Attacco Tel Aviv 29 marzo 2022 - Screenshot da Twitter
Attacco Tel Aviv 29 marzo 2022 – Screenshot da Twitter

Secondo i paramedici, almeno cinque persone sono rimaste uccise e altre cinque ferite in una doppia sparatoria a Bnei Brak e Ramat Gan, ad Est di Tel Aviv, in Israele. Quattro di loro sono in gravi condizioni.

Le circostanze dell’avvenimento sono ancora poco chiare. Stando alle prime informazioni, un uomo armato di pistola automatica in sella a una motocicletta, avrebbe sparato ai passanti in sella in entrambe le località, prima di essere colpito mortalmente. Le forze dell’ordine, giunte sul posto, non escludono che si sia trattato di un attacco terroristico.

Secondo i media israeliani, l’uomo armato era di origine araba ed avrebbe prima sparato verso i balconi degli appartamenti a Bei Brak, un sobborgo ebreo ultraortodosso, poi alle persone per strada.

Escalation di terrore: tre attacchi in una settimana

Questo è il terzo attacco in una settimana in Israele. Domenica 27 marzo due poliziotti di frontiera sono stati uccisi ad Hadera e altre quattro persone sono morte martedì 22 marzo a causa di due attacchi islamisti a Beersheba. Il gruppo militante dello Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità di questi attacchi, in cui i terroristi sono stati uccisi.

I servizi di sicurezza israeliani hanno fatto irruzione nelle case di almeno dodici cittadini arabi e arrestato due sospettati di avere legami con il gruppo dello Stato Islamico.

Bennet convoca vertice sicurezza

Per far fronte all’escalation di attentati in atto, il premier Naftali Bennet ha convocato per le 22 ora locale una riunione straordinaria si sicurezza per affrontare la situazione in atto nel Paese. Alla riunione parteciperanno il capo della polizia, il ministro alla Pubblica Sicurezza, il capo di Stato maggiore dell’Esercito e il direttore dello Shin Be, agenzia di intelligence israeliana.