“Dovrò saltare alcune partite”: paura per Mihajlovic, la malattia è tornata

Sinisa Mihajlovic ha annunciato dal centro sportivo del Bologna che sicuramente dovrà saltare alcune partite a causa della malattia, che sarebbe tornata. Ecco cosa ha raccontato l’allenatore rossoblù in conferenza stampa da Casteldebole.

Il 28 ottobre la famiglia Mihajlovic si è tinta di rosa. Il tecnico del Bologna è diventato per la prima volta nonno quando la figlia Virginia ha dato alla luce Violante. Poche settimane dopo, il sindaco di Bologna ha dato a Sinisa la cittadinanza onoraria. Come l’allenatore ama spesso ripetere si tratta della seconda che riceve, dopo quella di Novi Sad.

Serie A, 6 marzo 2022: Sinisa Mihajlovic durante la partita Bologna-Torino (foto ANSA /ELISABETTA BARACCHI).
Serie A, 6 marzo 2022: Sinisa Mihajlovic durante la partita Bologna-Torino (foto ANSA /ELISABETTA BARACCHI).

In occasione del ricevimento del riconoscimento da parte del sindaco Matteo Lepore, Mihajlovic ha voluto dedicare la cittadinanza onoraria alla sua famiglia, al Bologna FC, al suo staff, ai calciatori ed anche ai bolognesi. Sinisa ha spiegato che il conferimento ha come riferimento la gestione della malattia che lo aveva colpito, la leucemia.

Mihajlovic, è tornata la malattia? Il terribile dubbio

Sinisa Mihajlovic sembrava aver sconfitto la leucemia nel 2020. Dopo aver allenato la squadra in teleconferenza per diverse settimane, era tornato finalmente sul campo. Aveva anche suscitato numerose polemiche la vacanza in Sardegna, dove spiegò di aver contratto dai figli il Covid. In molti sostenevano che avrebbe dovuto prendere maggiori precauzioni.

Bologna, marzo 2022: Sinisa e Arianna Mihajlovic posano insieme (foto Instagram).
Bologna, marzo 2022: Sinisa e Arianna Mihajlovic posano insieme (foto Instagram).

Il 26 marzo, come una tegola, è stato annunciato da Adnkronos un nuovo ricovero di Sinisa Mihajlovic. Durante la conferenza stampa dal centro sportivo del Bologna, il tecnico ha spiegato ai giornalisti che verrà presto ricoverato all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Dalle analisi sarebbe emersa la possibilità che la leucemia torni a manifestarsi di nuovo.

La dichiarazione d’amore alla città di Bologna dell’allenatore

Sinisa Mihajlovic ha spiegato che questo 2022, fino ad ora, non è stato un anno facile, nè per lui nè per il Bologna. Fino ad ora, infatti, la squadra ha fallito nel consolidare la sua posizione in quella che lui definisce “la parte sinistra della classifica“, ovvero le prime dieci posizioni. Con il suo solito piglio ha sfidato apertamente la malattia.

Mihajlovic ha detto ai giornalisti presenti a Casteldebole: “Si vede che questa malattia è molto coraggiosa per avere ancora voglia di tornare ad affrontare uno come me… Va bene, sono qui: se non gli è bastata la prima lezione, gliene daremo un’altra“. Come già fatto in precedenza, ha lodato i centri di ricerca oncologici di Bologna e la preparazione dei medici.

Ecco il messaggio con cui Sinisa Mihajlovic ha voluto ringraziare per l’onoreficenza come cittadino onorario di Bologna: