Intesa Sanpaolo, nuovo allarme per i clienti: truffa pericolosissima

Intesa Sanpaolo, nuovo allarme per i clienti: truffa pericolosissima. Bisogna prestare massima attenzione ad un paio di particolari

Gli hacker sono sempre alla ricerca di conti da violare online e il rischio si fa ogni mese più alto. L’ultima in ordine temporale è una truffa che nasconde davvero molte insidie.

Intesa Sanpaolo
Intesa Sanpaolo (AnsaFoto)

Comodità non sempre si sposa con sicurezza. Il fenomeno dell’home banking è ormai imprescindibile e ha permesso da anni di snellire tutte le procedure finanziarie del singolo individuo. Poter gestire il proprio conto corrente con un semplice clic del computer o del telefono è davvero impareggiabile, ma ci espone a dei rischi davvero molto insidiosi. Gli hacker, infatti, sono alla continua ricerca di trucchi per frodare più persone possibili che accedono al servizio tramite internet. Il ‘phishing‘ è un metodo ormai noto a tutti. Dei link inviati tramite messaggi o mail fanno risalire i criminali a tutti i nostri dati, lasciandogli di fatto il controllo su tutte le nostre applicazioni. Il miglioramento della criptografia web può darci una mano in tal senso, ma l’attenzione umana è sempre il deterrente più efficace.

Nello specifico si parla in queste ore di una nuova truffa che ha preso di mira la banca Intesa SanPaolo. Sia chiaro che come per le altre banche Intesa non ha nulla a che vedere con la vicenda, ma viene solo sfruttata come “vittima” dai male intenzionati per far cadere in trappola gli utenti.

Intesa Sanpaolo, come sfuggire a tutti i tentativi di truffa telematica

Truffe in banca
Truffe in banca (AnsaFoto)

Le mail o i messaggi con contenuti allarmistici, portano il cliente a cliccare su link pericolosissimi. L’ultimo riguarda un semplice questionario, che invece che raccogliere banali dati, accede alle nostre password e numeri di conto, lasciando in mano di estranei tutti i nostri segreti. Grazie a questi accessi si può procedere all’autenticazione dei profili home banking e spostare i soldi altrove.

Il primo consiglio da seguire sempre è ignorare il contenuto o la presunta promozione indicata nel testo della mail. Qualora ci fossero dei dubbi a riguardo, rivolgersi immediatamente al call center della propria banca o avvisare la Polizia Postale per un controllo telematico. Va poi tenuto bene a mente che in nessun caso gli impiegati possono contattare al fine di richiedere informazioni personali se non all’interno dell’apposita area protetta previa autenticazione tramite codice PIN o impronta biometrica tramite web browser o dispositivi mobili. Questo dovrebbe renderci sempre più sospettosi sul contenuto di mail e messaggi che probabilmente sono dei fake.