“Attacco in corso”, paura per Massimo Giletti a Odessa: choc in diretta tv – VIDEO

Grande paura in diretta per Massimo Giletti, che si è recato ad Odessa per una puntata di ‘Non è l’Arena’: attacco in diretta televisiva.

Massimo Giletti ha deciso di recarsi ad Odessa per condurre una nuova puntata di ‘Non è l’Arena’. Però durante la diretta è partito un attacco aereo sulla città ucraina. Andiamo quindi a vedere cos’è successo nel corso della puntata.

Massimo Giletti
Il conduttore televisivo durante l’attacco (via Screenshot)

Massimo Giletti è volato in Ucraina, precisamente ad Odessa, per condurre una puntata di ‘Non è l’Arena‘ in uno dei luoghi più caldi del conflitto russo-ucraino. Nel corso della diretta, però, il conduttore ha dovuto comunicare un attacco aereo. Infatti prendendo la linea Giletti ha affermato: “C’è un attacco in corso, non è suonato nessun allarme… Ci sono traccianti della contraerea… Sentiamo colpi in direzione del mare…“.

Inoltre mentre Giletti pronunciava queste parole, il cielo si è illuminato a causa delle esplosioni ed inoltre si sono udite chiaramente dei colpi. Inoltre sempre il presentatore di ‘Non è l’Arena‘ ha avvertito i telespettatori, affermando che l’autorità l’hanno intimato di rientrare per ragioni di sicurezza. Andiamo quindi a vedere cos’è successo durante l’inedita diretta di Massimo Giletti su La7.

PER GUARDARE IL VIDEO DELL’ATTACCO -> CLICCA QUI !

Massimo Giletti, attacco durante la diretta di ‘Non è l’Arena’: l’episodio

Massimo Giletti
Il conduttore di Non è l’Arena in diretta (Via Screenshot)

Nella giornata di ieri Massimo Giletti è quindi volato in Ucraina, per condurre una puntata di ‘Non è l’Arena’ direttamente da Odessa. L’obiettivo del giornalista, infatti, era quello di raccontare in prima persona la guerra e gli effetti dell’attacco della Russia. A fargli compagnia dallo studio ci ha pensato anche Enrico Mentana, che ha elogiato lo sforzo personale fatto dal collega.

Nel corso del collegamento, il giornalista ha affermato: “Oggi c’è qualcosa di strano, abbiamo visto auto crivellate di colpi con feriti a bordo. Il fatto è insolito perché qui è ancora una zona tranquilla“. Inoltre per andare in diretta nonostante il coprifuoco, Giletti ha sfruttato il rifugio della Croce Rossa. Giletti ha quindi deciso di spiegare che è andato ad Odessa solamente perché per raccontare la guerra aveva bisogno di vederla con i suoi occhi.