Royal Family, lutto improvviso per il principe William: tragico addio

Un lutto improvviso ha scosso il duca di Cambridge, il principe William. Tragico addio per la Royal Family.

Il duca di Cambridge sta vivendo giorni di amara tristezza: ha dovuto dire addio a Claire Tomlinson, figura importante della sua vita.

Principe William
Il principe William  (Foto: Getty)

È stata la sua insegnante di polo. Si è spenta all’età di 77 anni e i funerali sono stati celebrati presso la chiesa di St Mary a Tetbury in Inghilterra. A prendere parte alla cerimonia funebre sono state circa 200 persone. Tra i presenti il principe William, unico rappresentante della famiglia reale. Assenti dunque la Regina Elisabetta, la moglie Kate e i figli ed anche il fratello Harry che come suo fratello imparò a giocare a polo grazie alle lezioni impartite dalla Tomlinson. Per quanto riguarda il duca di Sussex, la sua assenza potrebbe essere dovuta ad altri impegni che lo hanno costretto a restare in California dove vive con i suoi due figli e la moglie Meghan.

Come riportato dai colleghi del Daily Mail Luke e Mark, figli dell’allenatrice – una vera pioniera dello sport in campo femminile -, sono buoni amici di William e Harry tanto da essere stati tra gli invitati in entrambi i matrimoni dei principi.

Royal Family, lutto improvviso per il principe William: tragico addio

Il principe William
Il principe William (Foto: Getty)

Un legame molto forte tra Claire Tomlinson e i suoi figli. Il principe Harry, assente da molto tempo da palazzo (ha declinato anche l’invito di sua nonna per Natale), non ha partecipato alla cerimonia funebre perché molto probabilmente costretto a restare negli States. Il principe William invece è stato presente al funerale per testimoniare l’affetto che provava per la donna che gli ha insegnato l’abc di questo sport, il polo.

LEGGI ANCHE:

Harry e William erano entrambi appassionati giocatori di polo, così come prima di loro il padre Carlo e il defunto nonno, il principe Filippo. Claire Tomlinson ha imparato a giocare a polo intorno all’età di 15 anni. Il suo primo insegnante è stato suo padre. Passione e dedizione l’hanno portata a diventare la giocatrice di polo britannica più famosa e la prima donna a competere contro gli uomini. La sua fama spinse il principe Carlo a chiederle di insegnare ai suoi figli le regole di questo straordinario sport.