Quirinale, Berlusconi scioglierà la riserva entro domenica. Incontro “cordiale” tra Salvini e Conte

Il leader della Lega e Giorgia Meloni (FdI) negli ultimi giorni hanno più volte lasciato intendere di avere nomi alternativi da proporre nel caso di rinuncia del Cav.

Quirinale - Foto di Ansa Foto
Quirinale – Foto di Ansa Foto

Silvio Berlusconi starebbe valutando di sciogliere la riserva sull’eventuale candidatura. Entro domenica, alla vigilia della prima chiama, potrebbe esserci la svolta definitiva.

LEGGI ANCHE: Addio a Gaspard Ulliel: l’attore francese è morto in un incidente con gli sci

Intanto i tentati accordi e i tavoli istituzionali continuano tra tutte le forze politiche, per eleggere il nuovo presidente della Repubblica. Mancano quattro giorno, ma la situazione sembra ancora in altro mare. Quattro senatori del centrodestra hanno affermato che “tra domani e dopo, il Cavaliere rinuncerà all’investitura ricevuta”, e che “bisogna vedere come lo fa e su chi metterà la mano per l’investitura al Colle”.

Incontro tra Matteo Salvini e Giuseppe Conte

Oggi, giovedì 20 gennaio, c’è stato un incontro tra Matteo Salvini e Giuseppe Conte. Lo ha appreso l’Ansa da fonti parlamentari leghiste e dei cinquestelle. Si sarebbe trattato di un “incontro cordiale”. Matteo Salvini, in un incontro con i giornalisti sotto il Senato ha affermato: “Sul Quirinale procedono gli incontri con tutte le parti in causa e il centrodestra ragionerà e voterà compatto, sarà determinato e determinante e il ruolo di Berlusconi è e sarà fondamentale. Sono fiducioso”. Il leader della Lega e Giorgia Meloni (FdI) negli ultimi giorni hanno più volte lasciato intendere di avere nomi alternativi da proporre nel caso di rinuncia del Cav.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Parlamento europeo, Benifei sulla questione migratoria: “Chiedere al Consiglio di non girarsi dall’altra parte”

Intervistato a Radio Immagina, Enrico Letta, segretario Pd, ha affermato: “Di fronte all’assalto al Colle del centrodestra abbiamo dovuto trovare n equilibrio fra respingere l’assalto e tenere un canale di comunicazione, per un nome condiviso e non di parte, quindi non un nome di centrodestra. Dobbiamo trovare un accordo su un nome super partes”.

Su Rai Radio 1 invece, Vittorio Sgarbi ha spiegato la situazione interna al centrodestra: “Berlusconi è ad Arcore e rimarrà ad Arcore, credo si esprimerà con dei bollettini. Mi pare chiaro che questa pausa sia diventata di riflessione, in cui lui possa elaborare un nome al posto del suo e lavorare con l’impegno di un padre della patria. Direi che fa un giorno e mezzo siamo su questo punto”. Sgarbi ha anche aggiunto: “Io so qual è il nome che proporrà Berlusconi”.

Sull’ipotesi di tre possibili candidate, ha risposto: “La Moratti posso escluderla, Cartabia non so chi sia, su Casellati non posso dire niente, è la presidente del Senato. Comunque mi auguro che dia un segnale di grande maturità, con la capacità di dire che occorre una figura che unisce”. Sgarbi ha poi spiegato di non essere più convinto dell’idea di Berlusconi di riconfermare Sergio Mattarella: “So che voleva il Mattarella bis come migliore soluzione in assoluto: è una cosa che mi ha detto venerdì scorso, ma da venerdì le cose sono mutate, non credo che proporrà il nome di Mattarella”.

LEGGI ANCHE: Ospedali, Cavanna (CIPOMO) a iNews24: “Evitare che il Covid ritardi le cure oncologiche”

Ipotesi tre donne candidate, Emma Bonino a Free.it: “Non vedo prospettive”

In un’intervista a Free.it, Emma Bonino, senatrice e leader dei Radicali, sull’ipotesi di avere una donna alla presidenza della Repubblica: “Rimarremo all’anno zero. Non vedo prospettive per una donna, anche se veramente non capisco più la prospettiva di nessuno. Però devo dire che anche nessuna donna si è candidata, per la verità. Secondo me è tutto molto confuso e difficile in questo momento, ancor di più per una donna. Io penso che dire “ci vuole una donna”, non significhi niente. Ci vuole una persona competente in materia istituzionale e costituzionale e se è donna è meglio ancora. Così, finalmente, si rompe anche il soffitto di cemento armato che c’è in Italia”.

Bonino esclude l’idea di candidarsi al Quirinale: “La mia chance è stata vent’anni fa. Ero stata l’unica ad aver presentato pubblicamente la candidatura e ad aver reso pubblico il mio programma e gli obiettivi della mia presidenza della Repubblica. Ora è tempo che altre facciano il loro percorso”. Sugli scenari possibili, Emma Bonino vede una gran confusione: “Sarò franca, per il momento c’è solo una grande nebbia. Poi, non so, sicuramente ci saranno incontri carbonari e tutte queste stupidaggini. Comunque non lo sanno bene neanche loro qual è lo scenario. Temo, ahimè, che nessuno lo sappia”.