Interventi rinviati a fragili e no-Vax: Fabrizio Pregliasco minacciato su Telegram

Pregliasco ha spiegato che su Telegram le sue dichiarazioni, rese per tutelare i chi non è vaccinato, hanno causato “un rigurgito di minacce”.

Sanremo 2022, l'invito ai virologi
Fabrizio Pregliasco (Instagram)

Fabrizio Pregliasco è finito sotto attacco per le sue dichiarazioni sulle liste di attesa degli interventi chirurgici. Il virologo aveva spiegato in alcune interviste che all’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano di cui è direttore, era stato deciso di rinviare gli interventi non urgenti per i soggetti fragili e non vaccinati, perché considerati ad alto rischio contagio.

LEGGI ANCHE: Parlamento europeo, Benifei sulla questione migratoria: “Chiedere al Consiglio di non girarsi dall’altra parte”

Pregliasco ha spiegato che su Telegram le sue dichiarazioni, rese per tutelare i chi non è vaccinato, hanno causato “un rigurgito di minacce”. E ha aggiunto: “La mia famiglia si è un po’ agitata e c’è anche il dispiacere per questi attacchi ingiustificati”.

La compagna di Pregliasco: “Mi ribello a un certo modo di fare informazione”

La compagna del virologo, Carolina Pellegrini, con un post su Facebook ha affermato: “Il mio uomo è un talebano della verità e dell’etica, io mi ribello a un certo modo di fare informazione”, invitando provocatoriamente i no-Vax a “prenderci sotto casa” e a vedere “dove viviamo e come viviamo”. Perché “forse si è persa la bussola di come una persona degna ed eticamente ineccepibile viva”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Ospedali, Cavanna (CIPOMO) a iNews24: “Evitare che il Covid ritardi le cure oncologiche”

Fabrizio Pregliasco, nelle dichiarazioni che hanno generato gli attacchi aveva spiegato: “Tutto il resto lo stiamo facendo, tanto è vero che siamo pieni, saturi nei posti Covid. Abbiamo solo trovato una criteriologia per poter diluire nel tempo una serie di interventi che, anche se fatto con un ritardo, non creano problemi alla persona e gli riducono i rischi. Oggi non è il momento giusto per fare un intervento elettivo di alluce valgo a un soggetto fragile a prescindere se sia vaccinato o meno”.