Pechino 2022: biglietti non disponibili per il grande pubblico. Si entrerà solo su invito

La decisione scaturisce dai contagi causati dalla variante Omicron, che si sta estendendo in tutto il Paese.

Pechino 2022 - Foto di Ansa Foto
Pechino 2022 – Foto di Ansa Foto

I biglietti per le Olimpiadi e le Paralimpiadi invernali di Pechino non saranno disponibili al grande pubblico. Lo hanno comunicato oggi, lunedì 17 gennaio, gli organizzatori dei Giochi. La decisione scaturisce dai contagi causati dalla variante Omicron, che si sta estendendo in tutto il Paese. Si potrà accedere solo su invito. 

LEGGI ANCHE: Bimba morta a Torino, il patrigno: “Stavamo giocando, l’ho lanciata in aria e mi è scivolata dalle mani”

A settembre il Comitato Olimpico Internazionale ha presentato una serie di misure preventive di base contro la diffusione del virus, compreso il divieto a tutti gli spettatori stranieri, ad eccezione dei residenti in Cina che rispettano i requisiti richiesti. In precedenza, l’ipotesi era di permettere il 50% delle presenze. 

Le regole per entrare a Pechino

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Ospedali, Remuzzi a iNews24: “Considerare Covid solo gli ammalati, anche per far lavorare meglio i sanitari”

Ma i casi, anche se pochi, degli ultimi giorni, hanno indotto gli organizzatori a fare marcia indietro annullando la vendita dei ticket. Le autorità cinesi stanno cercando di intraprendere la via dei contagi zero. È stato disposto anche di sanificare tutta la posta proveniente dall’estero. Chi arriverà dall’estero per assistere ai Giochi, atleti, tecnici, giornalisti, dovranno entrare in una bolla dedicata, senza contatti con la popolazione. All’arrivo in aeroporto dovranno effettuare un test ulteriore in cado di primo tampone positivo e secondo negativo. 

Per giungere a Pechino servono due tamponi molecolari negativi da effettuare 96 ore prima della partenza e un’app con due QR code con semaforo verde da esibire una volta arrivati in aeroporto. Ogni giorno dovranno essere effettuati tamponi e in caso di contatto stretto, due al giorno per sette giorni.