Proteste no Green pass nelle principali città italiane. In piazza a Milano il premio Nobel Luc Montagnier

"Questi vaccini non proteggono ed è quello che sta venendo fuori piano piano. È riconosciuto da tutti oggi, non solo gli esperimenti ma anche i malati hanno scoperto che il vaccino non funziona. Invece di proteggere favoriscono altre infezioni". Sono le parole di Montagnier alla manifestazione nel capoluogo lombardo.

Manifestazioni no-Vax 15 gennaio
Manifestazioni no-Vax 15 gennaio

Un nuovo sabato di proteste no Green Pass nelle principali città italiane.

LEGGI ANCHE: Bollettino Covid, Ciccozzi a iNews24: “Gli asintomatici vanno conteggiati come casi, ma non come ricoveri”

Roma: “Facciamo come in Kazakistan, proteste contro la dittatura”

A Roma in tantissimi si sono radunati in piazza San Giovanni ad attendere sul palco il giudice sospeso Angelo Giorgianni. In attesa degli interventi previsti, gli organizzatori hanno chiesto di rispettare le regole: “Sedetevi e state distanziati per rispettare tutte le regole di questi signori”. In tanti non indossano le mascherine.

Facciamo come in Kazakistan, proteste contro la dittatura“, è lo slogan della manifestazione. Assente Mariano Amici, medico di base no-Vax di Ardea: “Mi hanno chiamato gli organizzatori della manifestazione di Roma in piazza San Giovanni dicendomi che per avere la possibilità di intervenire dovrei inviare preventivamente un sunto del mio eventuale intervento al fine di vagliare la possibilità di concedermi o meno la parola e nel caso per non più di sette minuti – ha fatto sapere dal suo canale Telegram – In due anni di lotta, per la quale sono anche stato sospeso dall’Ordine, dopo aver sempre presenziato alle varie manifestazioni in tutte le piazze d’Italia, è la prima volta che mi capita una cosa del genere, per questo motivo ho deciso di non partecipare“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Quirinale, Malan (Fdi) a iNews24: “I veti della sinistra precludono la possibilità di scelte condivise”

Milano, il premio Nobel Luc Montagnier: “Questi vaccini non proteggono, proteina utilizzata è tossica”.

A Milano invece, alla protesta organizzata da Italexit, movimento fondato dall’ex grillino Gianluigi Paragone stanno partecipando oltre un migliaio di cittadini in piazza XXV aprile, ad attendere il premio Nobel Luc Montagnier, virologo francese diventato punto di riferimento dei no Vax. 

Questi vaccini non proteggono ed è quello che sta venendo fuori piano piano. È riconosciuto da tutti oggi, non solo gli esperimenti ma anche i malati hanno scoperto che il vaccino non funziona. Invece di proteggere favoriscono altre infezioni“. Sono le parole di Montagnier alla manifestazione: “La proteina utilizzata nei vaccini in realtà è tossica“.

LEGGI ANCHE: Marco Melandri: “Vi svelo perché ho preso il Covid volontariamente”

Oltre al premio Nobel è intervenuto Marco Melandri, ex pilota di Moto GP: “Dobbiamo dare la libertà ai ragazzi di fare sport, non possiamo negarglielo, voglio guardare mia figlia in faccia. Ho deciso di espormi perché non ho più nulla da perdere”. Anche Heather Parisi e Stefano Puzzer sono intervenuti attraverso un video. Tra le sigle presenti, Osa e gli Operatori Sicurezza Associati. Alla fine della manifestazione un centinaio di manifestanti ha provato a sfondare il cordone delle forze dell’ordine per dirigersi in corteo verso corso Como.

Traffico bloccato a Trento ma non si registrano disordini

A Trento invece, prima il sit-in in piazza Dante, a sue passi dal palazzo della Provincia, poi un corteo fuori dal centro sotto il controllo della polizia municipale. Un migliaio di no-Vax e no Green pass sta manifestando con striscioni e slogan: “Italia svegliati” e “Giù le mani dai nostri bambini”, si legge. Il traffico è bloccato davanti alla stazione ferroviaria ma al momento non si registrano disordini.  Manifestazione anche a Genova. 

Intanto, nell’ambito dei controlli sulle nuove misure relative al Green pass di ieri, 14 gennaio, su 103.482 verifiche, ci sono state 216 sanzioni e su 12.158 attività ed esercizi commerciali controllati, 158 sono stati sanzionati. I dati sono stati resi noti dal Viminale.