Denise Pipitone, il 2022 comincia con una svolta: torna la speranza

Denise Pipitone, il 2022 comincia con una svolta: torna la speranza nella famiglia della bambina scomparsa ormai 17 anni fa

Da allora ad oggi la battaglia per la verità e per arrivare ad una svolta positiva non è mai cessata. Ma intanto Denise Pipitone è scomparsa senza lasciare tracce dal 1° settembre 2004 e a Mazara del Vallo fino ad ora ci sono stati più silenzi che confessioni. La sua famiglia si sta battendo da sempre e finalmente c’è una notizia positiva.

Piera Maggio (ANSA)

L’annuncio arriva dal presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia, con un post su Facebook. La commissione d’inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone si farà, o meglio la proposta non è stata bocciata. E adesso tutto passerà all’aula della Camera dei deputati, con la conferenza dei capigruppo che dovrà calendarizzarla.

“Abbiamo appena approvato definitivamente – si legge nel post – in commissione il testo per istituire la Commissione d’inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone. Un grande passo in avanti. Come la sua famiglia e tanti cittadini, ci auguriamo molto presto per fare chiarezza sul caso dopo oltre 17 anni”. Un segnale accolto con favore anche da Piera Maggio, la mamma di Denise: “Accende nuovamente una luce di speranza, sono contenta, ringrazio tutti i politici, tutti coloro che insieme a noi vogliono capire”.

Denise Pipitone, il 2022 comincia con una svolta: cosa può succedere adesso?

Cosa può succedere adesso? Diciamo che è un primo passo, dopo che la proposta presentata la scorsa primavera dai deputati Alessia Morani e Carmelo Miceli (sottoscritta da altre forze politiche fuori dal Pd). Ma fino ad oggi il percorso era stato ad ostacoli, per motivi che non sono chiarissimi.

Denise Pipitone all’epoca della scomparsa (ANSA)

Alcuni parlamentari hanno presentato emendamenti chiedendo che la commissione non tratti soltanto il caso di Denise ma più in generale le scomparse dei bambini in Italia. Ma altri hanno proposto che la commissione parta dai casi registrati dal 2007 in poi, tagliando quindi fuori di fatto la famiglia di Denise Pipitone. Ora però l’iter è cominciato e dovrebbe portare ad una conclusione positiva.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, nuovo colpo di scena: l’inchiesta prende una strada diversa

Sullo sfondo però ci sono le altre inchieste, quelle della Procura di Marsala che fino ad ora non hanno portato a nessun risultato concreto. E l’archiviazione decisa il mese scorso per il nuovo filone aperto nel 2021 era stata una nuova mazzata per le speranze della famiglia.